Sonni tranquilli

Hans Pietersen, ingegnere di Pretoria (Sud Africa), ha creato il Respisense Buzz, ovvero un apparecchio in grado, pare, di ridurre al minimo i rischi di quel disturbo mortale che i medici chiamano “morte in culla” o “sindrome della morte improvvisa”, che consiste nell’arresto improvviso della respirazione del neonato.
Nell’aspetto è simile ad un pacchetto di filo interdentale e lo si inserisce semplicemente nel pannolino del bambino in modo che, se la respirazione si arresta per più di 15 secondi, un segnale avverte i genitori tramite cellulare. Privo di lacci, corde o batterie che potrebbero essere pericolose, contiene persino una specie di defibrillatore tascabile che stimola automaticamente il neonato durante l’attivazione dell’allarme. Speriamo che funzioni!

(da MedGadget tramite Gizmodo.com)