Svenarsi.. per un Hitachi

I portatili provvisti di dispositivi biometrici sono stupefacenti. Abbiamo già visto il riconoscimento delle impronte digitali, la scansione dell’iride, ma non ditemi che avevate già visto quella che Hitachi, con il suo FLORA Se210 Finger Vein-Recognition Equipment Model, chiama “ricognizione venosa”. In pratica si tratta di un dispositivo di sicurezza che riconosce il proprietario dalla forma delle vene che ha dentro il dito. E ditemi come si fa a falsificare una cosa simile.
La lettura avviene così: un sensore LED diffonde una luce attraverso le vene dell’utente e ne immagazzina la forma specifica in una chiave USB (da non perdere, mi raccomando!!). Fra le altre caratteristiche di questo computer abbiamo un CPU Celeron 600 MHz, Intel 915 GM chipset (onboard video), 256 MB di memoria, display LCD 1024 x 768 (XGA) da 12,1” e 512 MB di Flash Memory.

(da TechJapan tramite Gizmodo.us)