Il ritorno di Robocop?

Una scuola elementare di Tokio ha assunto un robot-custode alto 1 metro e pesante 30 Kilogrammi, prodotto dall’azienda giapponese Dottocomu, allo scopo di proteggere gli allievi contro malfattori, ma soprattutto per tenerli sott’occhio. Quando vi trovate a 4 metri di distanza, il piccolo aiutante compiacente vi porgerà la sua mano per stringervela, fin qui nulla di strano se non fosse che questo suo gesto ha lo scopo di farvi la scansione della retina. Al termine di quest'ispezione, il piccolo custode raccoglie tutti i nominativi e informa i professori della vostra presenza o della vostra assenza. Impossibile sfuggire alla sua autorità: alcuni giapponesi hanno addirittura equipaggiato questi robottini con macchine fotografiche. Facciamo attenzione! Siamo sempre sotto stretta sorveglianza.

(da Gizmodo US)