HTC e l’Open Handset Alliance

htcoha.jpg
Abbiamo parlato con HTC, uno dei più importanti membri della Open Handset Alliance di Google che non è affatto estraneo alla realizzazione di smartphone. Mentre il CEO Peter Chou non ha potuto rivelarci molto riguardo alla parte hardware del progetto, cioè il prototipo Dream, ci ha potuto invece parlare di alcuni piani che riguardano il nuovo dispositivo. Per prima cosa, continueranno a vendere nel modo attuale e cioè sia tramite operatori di telefonia mobile, sia attraverso i loro canali, il che significa che ci saranno Google Phone brandizzati HTC.
Secondariamente, dal momento che l'interfaccia TouchFlo che hanno messo sui telefoni Windows Mobile ha funzionato così bene rendendo le funzioni più facilmente utilizzabili dagli utenti, continueranno ad usare questa e anche a sviluppare software per la nuova piattaforma. E' ancora troppo presto per dire esattamente che tipo di hardware ci sarà dentro e che tipo di software gireranno su questi telefoni fatti da HTC, ma hanno detto che non ci sono particolari specifiche hardware richieste. Questo significa che ogni costruttore può scegliere quali applicazioni inserire. E' sostanzialmente Linux sul vostro telefono.
Gizmodo USA