Nokia presenta Morph, il cellulare del futuro a base di nanotecnologia


Il nuovo prototipo di telefono Morph di Nokia userà la nanotecnologia per avere un corpo flessibile e un display trasparente che può prendere forme diverse a seconda delle esigenze dell'utente: un enorme passo avanti rispetto agli attuali, rigidi, cellulari. Anche le componenti elettroniche interne saranno trasparenti e flessibili, in modo che l'intero dispositivo possa essere stirato e piegato a forma di bracciale o di tablet. In più, la nanotecnologia farà in modo che il telefono si pulisca da solo. Sviluppato in collaborazione con la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Cambridge, questo scorcio di un futuro lontano è stato presentato oggi a margine della mostra "Design and the Elastic Mind" a New York ed è in esposizione al MoMA di NYC. Il dott. Tapani Ryhanen, Head of the NRC Cambridge UK laboratori, Nokia, ha commentato: "Auspichiamo che questo connubio di arte e scienza mostri al grande pubblico il potenziale delle nanoscienze. Le tecniche che stiamo sviluppando potrebbero un giorno aprire l'orizzonte a nuove opportunità in termini di design e funzionamento dei dispositivi mobili".
"Sviluppare il 'concept' Morph insieme a Nokia ci ha offerto un obiettivo che non è solo artisticamente ispirato, ma, molto più importante, scandisce un programma tecnologico della nostra congiunta attività di ricerca nel campo delle nanotecnologie, imprimendo un ulteriore stimolo al futuro della nostra collaborazione", ha dichiarato il professore Mark Welland, responsabile del Nanoscience Group della Facoltà di Ingegneria dell'Università di Cambridge e University Director del partenariato Nokia-Cambridge.