Il robot baby-sitter per permettere ai genitori di comprare in santa pace

tmusk robot_cr.jpg
Questi strani Giapponesi. I robot stanno diventando sempre più comuni nella vita quotidiana degli abitanti della Terra del Sol Levante al punto che adesso stanno creando robot in grado di fare da baby sitter ai bamini quando i genitori non possono prendersi cura di loro.
Aeon, il principale rivenditore della vittà di Fukuoka, ha introdotto un robot alto 140 cm giallo e bianco, sviluppato da Tmusk per intrattenere i piccoli mentre i genitori sono impegnati a spendere soldi in giro per il negozio. I padri e le madri che vogliono usufruire del robot ricevono uno speciale badge dal negozio che il robot utilizza per identificare il bambino tramite un codice a barre (!). Può anche parlare con i bambini, anche se ha un vocabolario limitato. Uno dei suoi occhi è un proiettore che manda messaggi pubblicitari sul muro o immagini che ha scattato con la fotocamera posizionata nell'altro occhio. Come dire, tanti piccioni con una sola fava.

Gizmodo UK