iPod Touch, un Genius vi fa la compilation

Pregi e (pochi) difetti del lettore multimediale di Apple, che somiglia sempre di più all’iPhone, è sempre più Apple Store dipendente, ma allo stesso tempo diverte davvero

Il limite dell’iPhone è quello di essere un iPod cui è stato aggiunto quanto serve per telefonare. A sua volta iPod Touch dispone proprio di tutti gli aggiornamenti software del "cugino" e grazie ad alcuni ritocchi ora è un lettore multimediale quasi perfetto. In video la nostra prova
Il restyling hardware è minimo. Nei negozi il modello nuovo si potrà riconoscere esteriormente solo per un doppio pulsante di controllo del volume posto lateralmente e per lo spessore ridotto, una volta acquistato si potrà invece apprezzare la durata della batteria portata a 36 ore di riproduzione audio e 6 video e la nuova funzione Genius che associa la comodità di creare al volo nuove playlist con i… consigli per gli acquisti (ulteriori dettagli nel video).
Si sono ottenute migliori performance della batteria proprio anche grazie al pulsante di controllo del volume: consente la regolazione senza accendere il display, che così rimane in standby più a lungo.

iPod Touch però non è ancora del tutto completo: è possibile controllare la posta elettronica e sincronizzarla con la propria Webmail, guardare i video di YouTube, giocare con l’accelerometro, che permette anche di orientare a piacere la visualizzazione delle foto. Si può consultare il meteo e usare il lettore come agenda. Ma nonostante tutto… per ascoltare la radio bisogna scaricare il software per le Web Radio da Apple Store e avere attiva una connessione WiFi , altrimenti niente.

E ancora, anche dopo l’ultimo aggiornamento del firmware, non si può utilizzare come supporto esterno di memoria. Ma soprattutto iPod Touch è sempre più dipendente da App Store , che pullula di giochi, giochini e utility di tutti i tipi, ma ancora non si distingue certo per la quantità di applicazioni di un certo livello. Una cosa è certa: iPod Touch è il più divertente di tutti i gadget multimediali e quello che fa lo fa davvero bene. Un ultima nota sui prezzi: la versione da 32 Gigabyte , oggi, costa praticamente come quella da 16 Gb quando iPod Touch ha fatto l’esordio sul mercato. Ancora una volta è dimostrato che correre in negozio come i pazzi non sempre paga: software ancora non ottimizzato e prezzi destinati solo a scendere dovrebbero far riflettere un pochino di più.

Tags :