Htc Touch Pro sfida Omnia i900

VIDEO - Htc Touch Pro potrebbe avere le carte in regola per essere uno dei migliori smartphone professionali in circolazione. Le caratteristiche hardware infatti fanno subito pensare a un terminale completo, anzi, tra i più completi in assoluto.

Continua a leggere per vedere la seconda parte del nostro video test di Htc Touch Pro
Dotazione hardware

Si tratta di un Quadband HSDPA , con connettività Bluetooth 2.0 EDR e WiFi b/g integrate e, con le cuffie, ricevitore radio FM con RDS . Il ricevitore a-GPS è integrato ma non così la cartografia, nè il software di navigazione: è presente solo un’utility per velocizzare il calcolo della propria posizione attraverso la connessione GPRS).

Htc Touch Pro funziona con Windows Mobile 6.1 Professional (Build 19965.1.2.3) , processore Qualcomm MSM7201A a 528 MHz , 288 Mbyte di RAM e ben 512 Mbyte di Rom , oltre allo slot di espansione per le schedine microSD . Punto di forza assoluto di questo smartphone sono le caratteristiche del display touchscreen: è da 2,8 pollici con la ragguardevole risoluzione 480×640 pixel . Sul lato posterioreè ben visibile la fotocamera da 3,2 Megapixel con ottica F 2.8 , autofocus e flash integrato, i limiti di questa soluzione sono facilmente intuibili e non strettamente legati a questo modello; può servire come fotocamera di pronto intervento, non certo per realizzare capolavori.

La seconda parte della videoprova di Htc Touch Pro

Sono consentite le chiamate video grazie alla videocamera frontale, una semplice VGA con sensore CMOS. Un’unica interfaccia mini USB 2.0 standard viene utilizzata per ricaricare il terminale, collegarvi cuffie e periferiche, predisporre il collegamento con il computer per la sincronizzazione dei dati, da qui è possibile anche la connessione per l’uscita TV che sarà gestita da un software dedicato.

Certamente Touch Pro e’ tra i Pda phone piu’ potenti ed eleganti

Htc Touch Pro è uno smartphone slide. Basta il gesto di una mano sola per svelare una tastiera qwerty . L’ingombro dello smartphone chiuso è di 102x51x18,05 mm . Il peso arriva a 165 grammi con la batteria da 1340 mAh montata. Non è un cellulare leggerissimo, ma si utilizza con una certa disinvoltura con una mano sola. Come praticamente tutti i terminali Windows Mobile, sarà necessario ricaricare lo smartphone ogni fine giornata (se non prima), se solo si è utilizzata per qualche ora la connettività WiFi o il GPS, o se si sono sfruttate anche minimamente le proprietà multimediali del cellulare che è in grado di riprodurre tutti i formati audio e video più diffusi tramite Windows Media Player mobile preinstallato.

Dotazione software

Anche la dotazione software è di tutto rispetto: la suite di Office Mobile (per consultare e generare i file Onenote , Powerpoint , Excel e Word ), il browser Opera , l’utility QuickGPS già citata, il raccoglitore di feedRSS per le news, un player media in streaming per riprodurre i file rintracciati tramite il protocollo Rtsp, registratore vocale, WorldCard Mobile per la scansione dei biglietti da visita, YouTube e Zip per la compressione dei file, chiude la rassegna il software per il funzionamento della fotocamera e un ‘trimmer ‘ per il montaggio e la gestione dei file MP3 , eventualmente registrati dalla radio.

Htc Touc Pro si distingue per le infinite possibilità di immissione del testo. La tastiera Qwerty e’ comoda, ma all’occorrenza sono disponibili anche tastiere complete ‘touch’ accessibili direttamente dal display

In ambito office è certamente apprezzabile anche la possibilità di collegare il terminale direttamente a una stampante di rete , semplicemente conoscendo l’indirizzo IP di quest’ultima, ma anche via Bluetooth . Chiaramente sono ben implementate tutte le possibilità di sincronizzazione con il PC tramite ActiveSync .

Touch Pro, pregi e tanti limiti

Htc Touch Pro è in grado di orientare il display rilevando il movimento all’apertura della tastiera e ogniqualvolta registra la rotazione del dispositivo. A gestire il tutto è G-Sensor , che può essere calibrato adeguatamente. E a questo punto arriviamo al vero problema, alla base di tutto quello che nel terminale non va, ovvero proprio l’interfaccia TouchFlo 3D . Dovrebbe essere il fiore all’occhiello del terminale, invece promette moltissimo, ma soddisfa poco . A nostro avviso è la causa prima anche dei rallentamenti nel funzionamento dello smartphone che rendono in alcune circostanze non solo spiacevole, ma addirittura frustrante l’utilizzo del Touc Pro .

TouchFlo ha il difficile compito di rendere più utilizzabile l’interfaccia troppo legata al mondo PC tipica di Windows Mobile. E così propone una Home che con Windows Mobile ha in comune solo il menu Start e le info relative a orario, appuntamenti, chiamate in arrivo. In basso invece, senza aprire la cartella Programmi, è possibile fare scivolare le dita sulle icone che offrono accesso diretto ai contatti, ai messaggi, alla posta elettronica, al browser, a foto, video e musica, ma anche al software delle previsioni meteo (perche’ il database delle località è così limitato quando altri software hanno già saputo fare meglio e offrono persino le previsioni dei comuni?), e alle impostazioni di comunicazione e di gestione generale del dispositivo.

Effettivamente ci si potrebbe dimenticare di utilizzare Windows Mobile . Però l’interfaccia TouchFlo 3D offre solo un’assaggio di quello che dovrebbe essere un sistema di interazione comodo : la risposta dei pulsanti non è regolare , omogenea. A volte si è convinti di aver premuto e invece si è solo sfiorato, altre volte si sarebbe voluto sfiorare e invece si è premuta un’icona, ma siccome la risposta delle applicazioni e’ tutto tranne che veloce (quanto pesa ancora il pachiderma WinMobile sul funzionamento rapido di tutti i terminali?) si procede con impazienza con altre operazioni e in sostanza si fa solo una gran confusione: tempi di attesa , accelerazioni non volute di scorrimento, e scambio di lettere dipendono da una sensibilità che anche dopo giorni di esercizio non sarà mai sufficiente.

Htc Touch Pro offre diversi sistemi di input , probabilmente è il terminale che ne offre di più in assoluto: la tipica tastiera dei cellulari , una QWERTY compatta, e una QWERTY estesa, il riconoscitore delle lettere tramite input manuale, e ovviamente la selezione direttamente con le dita o con lo stilo su una tastiera mini. Ebbene: nessuno di questi offre una vera experience e dimostra appieno efficacia e affidabilità. Con lo stilo a volte bisogna premere con decisione per ottenere l’effetto sperato, è facile sbagliare la selezione delle lettere, se poi si è scelta una tastiera qwerty compatta, la possibilità di selezionare la seconda lettera invece della prima e’ quasi casuale.

Non solo : due delle zone chiave dello smartphone, quella dove è presente il menu Start e la X in alto a destra per chiudere le applicazioni, sono troppo angolate. E quindi mentre tutte le aree del display sono facilmente raggiungibili con le dita, anche quando si tiene con una mano sola lo smartphone, proprio quelle due mettono a disagio. Infine, una considerazione sui pulsanti sulla zona frontale. La loro efficacia è stata fin troppo sacrificata a un’eleganza senza dubbio al top e qualcuno potrebbe lamentare la mancanza dei soft key personalizzabili invece, in senso positivo, i due pulsanti laterali sul fianco sinistro consentono una regolazione veloce in ogni momento del volume dei suoni di sistema e del telefono.

Riavviare è normale

Quello che non ci saremmo aspettati a così tanti mesi dal rilascio del sistema operativo e della prima versione di TouchFlo sono i frequenti blocchi di sistema , l’effetto neve del display e alcune situazioni in cui per il disallineamento delle icone si è reso indispensabile il riavvio, ma anche la mancata chiusura di finestre che rimangono visibili quando già si è passati ad un’altra applicazione, a formare improbabili effetti a mosaico, come quando non si ha abbastanza memoria sul PC e si affastellano finestre a patchwork con altre.

Su un terminale di questa classe (e a questo prezzo) essere costretti al riavvio per imperfezioni di questo tipo sono davvero intollerabili

Assolutamente migliorabile la durata delle batterie (con il WiFi acceso bastano alcune ore di utilizzo per trovarsi… a secco) , mentre rispetto ad altri modelli Htc sono stati fatti ottimi passi avanti riguardo la qualita’ della ricezione audio e la disposizione degli altoparlanti.

Il display ha caratteristiche davvero notevoli, per questo fa ancora piu’ effetto imbattersi in problemi di questo tipo. A noi è capitato piu’ di una volta.

Considerato il costo non proprio popolare (MediaWorld vende questo terminale online al prezzo, a nostro avviso fuori davvero eccessivo di 849 euro, per quanto si possa trovare anche a 500/600 euro a seconda della dotazione ), rileviamo nel complesso un divario qualità/prezzo davvero esagerato e confidiamo nel rilascio di un modello perfezionato, perchè il potenziale è notevole. E’ più facile apprezzare le caratteristiche positive con un’altra tipologia di interfaccia. Noi lo abbiamo provato anche con Spb Shell . Si guadagna in praticità d’uso e se si affianca questa applicazione a Spb Weather , per un pugno di euro si può apprezzare pienamente la comodità delle previsioni meteo estese a molte più città rispetto a quelle proposte da TouchFlo 3D . Htc Touch Pro: rimandato, almeno per ora.

Tags :