Scandalo Microsoft: abbassati gli standard di compatibilità con Vista per fare un favore a Intel


La causa fatta in class-action contro Microsoft per quel fuorviante "Compatibile con Vista" scritto sopra a sistemi che non lo erano per nulla ha fatto emergere un altro scandalo quando è diventato pubblico lo scambio di mail intercorso tra i capi di Microsoft e i capi di Intel che hanno lasciato intendere che Microsoft avrebbe ridotto i requisiti richiesti perché l'hardware fosse compatibile con Vista per dare una mano ad Intel. In origine, la serie 915 di chip di Intel non era stata classificata come "Compatibile con Vista", ma dopo un pasticcio di programmazione, Microsoft ha deciso di fare un favore a Intel dichiarando che, invece, quei chipset rientravano negli standard richiesti per Vista.
Pare che Microsft avesse deciso di cominciare il suo programma di marketing basato sul "Compatibile con Vista" tre mesi prima del previsto, mettendo nei guai Intel che non aveva avuto il tempo di mettere in produzione dei chipset più performanti.

I dirigenti di Intel si sono lamentati con i dirigenti di Microsoft via email riguardo al fatto che le perdite sarebbero state notevoli e Microsoft ha deciso di placare i propri partner cambiando i parametri per la compatibilità con Vista, anche se i chip serie 915 non sono in grado di far girare Aero.

[Fonte: Gizmodo USA]