Gli elettrodi di titanio che invecchiano il vino senza aspettare per anni


I sommelier e gli amanti del vino e della sua tradizione non apprezzeranno questa notizia, ma il nostro dovere ci impone di raccontarvela lo stesso. Alcuni scienziati ed enologi cinesi hanno scoperto che si può invecchiare velocemente e arrotondare, come si dice, il sapore di vini economici usando dei potenti elettrodi. Questa tecnica è pensata per essere applicata a vini giovani e grezzi, ma migliora molto l'aroma e "le sensazioni in bocca" di vini non destinati a diventare grandi vini neanche con le tecniche tradizionali. Il vino viene pompato attraverso un tubo che passa tra due elettrodi di titanio i quali aumentano le reazioni tra gli alcoli e gli acidi. Queste reazioni producono esteri che contribuiscono al fruttato e all'aroma del vino.
Gli scienziati hanno anche scoperto che troppa eletricità può produrre brutti sapori a causa di nuovi aldeidi, rendendo il vino peggiore di quello che non fosse già in partenza, ma ciò non toglie che l'invecchiamento artificiale pare funzionare davvero. I primi esperimenti sono stati fatti in Cinda dal chimico Xin An Zeng e ora molti altre aziende vinicole cinesi stanno prendendo in considerazione i vantaggi offerti da questa tecnica. Per quello che ci riguarda, a Natale preferiamo brindare con un Brunello di Montalcino invecchiato con i metodi tradizionali. Dopo tutto, ci sarà una ragione se i vini cinesi non sono poi così rinomati nel mondo...

[Fonte: Gizmodo USA]