Apple: il Big Mac è servito


Proprio mentre circolavano le indiscrezioni su un'uscita di una nuova linea desktop di Apple prevista per il 24 marzo, Cupertino briciava tutte le tappe aggiornando l'iMac, il Mac Mini, il Mac Pro e il Time Capsule, il tutto senza un keynote, senza un comunicato stampa, nulla di nulla.
Ecco le principali cose da sapere su ognuno dei dispositivi.

Mac Mini
Il nuovo Mac Mini, disponibile da subito a partire da 599 euro, completamente ridisegnato all’interno e sul retro, anche se il guscio è praticamente uguale al precedente. Si può avere in due configurazioni entrambe basate su processore Intel Core 2 Duo da 2GHz con scheda grafica integrata Nvidia GeForce 9400M.

iMac
L’iMac da 24 pollici è in vendita a 1.399 euro, mentre la versione da 20 pollici costa 1.099 euro. Nonostante abbiano lo stesso look che hanno dall’agosto del 2007 (il che non è un porblema per noi, ma qualcuno si aspettava una rinfrescatina), hanno delle specifiche migliori: processore Intel Core 2 Duo da 3.06GHz e drive da 1TB e 7200rpm (anche se dovete pagare un extra se volete la RAM da 8GB).

Mac Pro
Il nuovo Mac Pro ha un prezzo che parte da 2.299 euro con processore Intel Xeon Quad-Core da 2,66 GHz con tecnologia “Nehalem”, 3 GB di memoria, HDD SuperDrive da 640GB e scheda grafica integrata Nvidia GeForce GT 120 con 512 MB di memoria. La versione da 2.999 euro, invece, ha due processori Intel Xeon Quad-Core da 2,26 GHz “Nehalem”, 6 GB di memoria (sei da 1 GB), disco rigido SuperDrive da 640 GB e la stessa scheda grafica del modello più economico.

Time Capsule

Il Time Capsule appena uscito in commercio ha lo stesso aspetto esterno della versione precedente (come tutti gli altri), ma all’interno le funzioni sono state raddoppiate con il router Wi-Fi a doppio canale da 2.4GHz e 5GHz 802.11n per gestire meglio un maggior traffico di rete. In più, la nuova funzione “Reti Guest” permette di impostare una rete Wi-Fi per gli ospiti, con una password diversa, il tutto tenendo private le altre parti della vostra rete. Costo: 269 euro.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :