Arrivano i nuovi iMac: schermi più luminosi, processori più potenti e il Magic Mouse


Ancora novità da Cupertino. Come annunciavano le indiscrezioni circolate nelle ultime settimane, ecco i nuovi iMac da 21.5 e 27 pollici con retroilluminazione a LED, pannello di vetro che ricopre l'intera superficie frontale e chassis in alluminio. Partiamo subito dalle dolenti note, il prezzo: i nuovi iMac partono da 1.099 euro. I processori sono Intel Core 2 Duo a partire da 3,06GHz e quad-core Core i5 e i7, mentre nella confezione trovate una tastiera wireless e il neonato Magic Mouse.
Gli schermi hanno un rapporto di 16:9, per permettervi di godere al meglio di film, trasmissioni televisive e video ad alta definizione. L'iMac da 21.5 pollici offre un display ad alta risoluzione da 1920x1080 pixel, mentre quello da 27 pollici ha una risoluzione di 2560x1440 pixel: il 60% di pixel in più rispetto al precedente modello da 24 pollici.
Entrambi gli schermi usano la tecnologia IPS per garantire colori coerenti e omogenei su un angolo di visualizzazione di 178 gradi.
La tastiera wireless e il Magic Mouse si interfacciano alla perfezione con le funzionalità Bluetooth integrate nell’iMac: dite addio per sempre ai cavi sulla scrivania.

La scheda grafica integrata è una NVIDIA GeForce 9400M oppure la scheda grafica discreta ATI Radeon HD 4670 nel modello da 21.5 pollici e scheda grafica discreta ATI Radeon HD 4670 o scheda grafica discreta ATI Radeon HD 4850 per il modello da 27 pollici. Altre specifiche tecniche includono 4GB di memoria DDR3 a 1066MHz espandibili fino a 16GB grazie ai quattro alloggiamenti SO-DIMM. Ogni iMac include una videocamera iSight integrata, microfono e altoparlanti stereo. La connessione dell’iMac è garantita dalla tecnologia Wi-Fi AirPort Extreme 802.11n integrata, Bluetooth 2.1+EDR, Gigabit Ethernet, un totale di quattro porte USB 2.0, una porta FireWire 800 e un nuovo slot SD integrato.

Novità in vista anche per i Mac mini che, a sentire Apple, sono diventati più veloci, offrono maggiore spazio di archiviazione e includono come standard il doppio della memoria. A partire da 549 euro, il nuovo Mac mini entry-level ha un processore Intel Core 2 Duo a 2,26GHz e 2GB di memoria DDR3 a 1066MHz, un disco rigido da 160GB, cinque porte USB 2.0, FireWire 800, grafica integrata NVIDIA GeForce 9400M e un’unità ottica SuperDrive. Il modello di Mac mini da 749 euro, invece, ha un processore Intel Core 2 Duo a 2,53GHz, 4GB di memoria e un disco rigido più capiente da 320GB. Apple aggiunge alla sua offerta un modello di Mac mini da 949 euro con una configurazione speciale e Mac OS X Snow Leopard Server: due dischi rigidi da 500GB per un totale di 1TB di archiviazione server nel design ultra-compatto da 16,51 cm di lato e 5,08 cm di altezza.

“Gli iMac e Mac mini – proclamano da Cupertino – sono conformi ai nuovi, ancor più rigidi requisiti Energy Star 5.0 e hanno ottenuto lo status EPEAT Gold“. Il display retroilluminato a LED del nuovo iMac è privo di mercurio ed è realizzato in vetro senza arsenico. Sia iMac che Mac mini usano cavi e componenti interni privi di PVC, non contengono ritardarti di fiamma bromurati, usano materiali altamente riciclabili e garantiscono un design del sistema e dell’imballaggio a comprovata efficienza di materiali, fanno sapere.

Dal punto di vista software, tutti i computer Mac vengono forniti con Mac OS X Snow Leopard e iLife. iLife include iPhoto, per organizzare e gestire facilmente le foto, iMovie, con nuove funzionalità potenti e intuitive come L’Editor di Precisione, stabilizzazione video e drag-and-drop evoluto, e GarageBand, che offre la possibilità di imparare a suonare il piano e la chitarra.

[Fonte: Apple]

Tags :