Non ci sono backdoor per spiare gli utenti su Windows 7, parola di Microsoft!


Il fatto che l'NSA abbia contribuito allo sviluppo di Windows 7 non significa che Microsoft abbia previsto delle backdoor che permettano all'agenzia di spiare gli utenti d'oltreoceano, giusto?
Nella risposta all'articolo di Computerworld sul coinvolgimento dell'NSA nello sviluppo di Windows 7, Microsoft ha dichiarato: "Microsoft non ha messo e non metterà 'backdoors' su Windows".
Non per voler cercare il pelo nell'uovo, ma questo diniego non lascia forse una "porta" aperta? Intendiamo, chi ci assicura che l'NSA non abbia messo delle backdoor per conto suo senza che i normali impiegati Microsoft ne fossero a conoscenza? O più semplicemente, può Microsoft aver mentito sacrificando la verità sull'altare della "sicurezza interna"? Naturalmente sì, ma ovviamente chiunque si ponga il problema della mancanza di autonomia digitale rischia di passare per terrorista.
[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :