Microsoft-Ue: pace fatta!?

E' costata 10 anni di battaglie legali e 1,7 miliardi di euro di multe, la lunga guerra tra Microsoft e la UE. La prima denuncia dei norvegesi proprietari del browser Opera ha avuto il merito di dare inizio a una lunga discussione e diatriba culminata nei giorni scorsi con il sì definitivo dell'Antitrust europeo alle proposte del colosso informatico. L'azienda di Redmond, infatti, si impegna a garantire agli utenti Windows europei una scelta sui software di navigazione e a consentire ai produttori di pc e agli utenti di disinstallare Internet Explorer. "Milioni di consumatori europei potranno beneficiare della libertà di scelta sul tipo di browser web da utilizzare: una sorta di regalo di Natale anticipato", ha detto oggi il commissario alla Concorrenza Neelie Kroes.
In pratica Microsoft tramite una finestra popup chiamata "Choise Screen", consentirà agli utenti di scegliere tra i diversi browser disponibili. Questa possibilità sarà presente su tutti i sistemi operativi di Bill Gates da Xp a Windows 7 e permetterà finalmente la tanto agognata libertà di scelta tra Firefox, Chrome, Opera, Safari e tutti gli altri. Per garantire che queste non si limitino a essere solo delle promesse ma che vengano realmente attuate, Microsoft sarà tenuta sotto osservazione per 5 anni dalla Commisione Europea.

Se saperne di più sulla vicenda leggi “Concorrenza spietata” su Itespresso.it

Tags :