Adobe tira i remi in barca: niente più supporto Flash per iPhone

Adobe ha annunciato negli scorsi giorni che nella Adobe CS 5 di prossima uscita ci sarà ancora la possibilità di creare applicazioni Flash per iPhone ma non saranno più investite ulteriori risorse su quel progetto.

Questa è un ovvia conseguenza dell’ultimo provvedimento preso da Apple nel quale viene vietata l’immissione nell’AppStore di applicazioni crossplatform ovvero di applicazioni nate con codice diverso dall’Objective C e successivamente adattate per iPhone.

Gli opinionisti si dividono su quale effetto potrebbe avere questo nuovo risvolto sulle due aziende anche se la maggioranza degli esperti del web pensa che questo sia un passo falso di Apple. Infatti, per quanto Flash da solo crei metà degli introiti dell’intera Adobe Creative Suite, esso non subirà un contraccolpo decisivo perdendo la compatibilità con iPhone mentre Apple deve vedersela con la veloce crescita di Android.

Al Hilwa, che lavora per la società IDC, ha dichiarato che Apple dovrebbe rileggersi un po’ di storia e capire perché anni fa perdette la guerra contro i PC: secondo Hilwa le piattaforme chiuse come sta diventando l’iPhone non hanno speranze contro piattaforme aperte come Android che permettono agli utenti di usufruire di tutti i contenuti della rete, e non di quelli che vuole fargli vedere Jobs.

Voi cosa ne pensate?

P.s. Si, abbiamo messo quell’immagine in testa all’articolo di proposito!

Tags :