Microsoft uccide il Kin sei settimane dopo il lancio


Solo sei settimane dopo il lancio, il Kin è morto. Stando a fonti vicine all'azienda, Microsoft sta ponendo fine alla sua breve vita.
Con effetto immediato Andy Lees sta inglobando l'intero team di Kin nel cuore del team che lavora a Windows Phone 7. La ragione principale? Vendite. Microsoft non ha mai confermato, né smentito, che erano stati venduti solo 500 Kin, ma è evidente che la riposta è stata decisamente sotto le aspettative. Altrimenti perché eliminare un progetto che era in sviluppo da anni (e con milioni di dollari di investimento), dopo solo poche settimane di vita?

Il motivo principale del mancato successo? Il prezzo. Verizon ha dato al servizio mensile del Kin un prezzo simile a quello degli smartphone veri e propri anche se non lo è. Anche un taglio drastico del costo del dispositivo di per sé non avrebbe reso più accettabile l’abbonamento mensile.
Le poche persone che hanno comprato il Kin avranno ancora supporto da Microsoft, ma il futuro degli aggiornamenti promessi è tutto da definire.

L’unica cosa che si può dire con una certa sicurezza è che il Kin non diventerà quello che avevamo sperato.
La dichiarazione di Microsoft a questo proposito è molto confusa e vaga.
“Abbiamo deciso di focalizzarci sul lancio di Windows Phone 7 e non venderemo il Kin in Europa in autunno come avevamo anticipato – ha fatto sapere Microsoft -. In più, stiamo integrando il team Kin con quello Windows Phone 7, incorporando idee valide e tecnologie del Kin nelle future release di Windows Phone 7. Continueremo a lavorare con Verizon in Usa per vendere i Kin che rimangono”.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :