AR.Drone, il quadricottero che vola con l’iPhone

Parrott propone il primo quadricottero che si pilota via Wi-Fi con l’iPhone. Sarà disponibile in Italia da Settembre e costa circa 300 euro. Con AR.Drone ci si può divertire con i videogiochi a realtà aumentataDovete vederlo, senza il guscio che protegge le quattro eliche sembra un insetto gigante, completo di protezioni somiglia di più a un’astronave aliena. In entrambi i casi AR.Drone è spettacolare e divertente. Si tratta di un quadricottero che può essere pilotato con iPodTouch, iPhone e iPad. Se si tengono questi sistemi di controllo fermi e piani, la stabilità di AR.Drone è eccezionale e con le sue due videocamere propone riprese di buon livello, e misura la propria velocità. Ma AR.Drone è in grado anche di compiere voli spettacolari e divertirsi con videogiochi a realtà aumentata. In questo caso mentre una videocamera trasmette direttamente sul display del device di controllo quanto ripreso, si possono integrare in tempo reale effetti speciali di ogni tipo e proporre… un’altra realtà!

AR.Drone è fatto con fibra di carbonio e plastica, funziona con quattro eliche, il motore è elettrico. La rete WiFi si genera con il vostro iPod autonomamente – non serve un router attivo –  basta avere l’applicazione AR FreeFlight installata. Si può anche scegliere di pilotare Ar.Drone con un solo pulsanto, se si è già bravini. All’attivazione il quadricottero accende il motore, si alza dal suolo solo di pochi centimetri, si stabilizza e poi attende le istruzioni, ovviamente l’accelerometro dei dispositivi Apple fa il resto fino a una velocità di 5 m/s (sono poco meno di 20 Km/h). Si può decidere anche di togliere il dispositivo di controllo che impedisce a AR.Drone di uscire dal raggio di controllo. Sulla destra dello schermo è invece collocato un sistema di comando per indicare a AR.Drone le manovre più comuni (atterraggio, rotazione, e decollo).

Noi l’abbiamo provato e funziona proprio bene, oltre a essere divertentissimo: AR.Drone sfrutta l’accelerometro su tre assi, un sensore a ultrasuoni, un girometro e due videocamere: la prima è posizionata sotto serve al drone per misurare la propria velocità sull’asse orizzontale, l’altra è per le riprese. AR.Drone lavora bene sia all’aperto che in ambienti chiusi (meglio usare la cover di protezione). Guardate il VIDEO.
E se volete entrare nella community visitate www.ardrone.com

Tags :