E’ nato Google Instant: ecco cos’è


Google ha appena annunciato la sua ultima trovata: Google Instant. Dicono che trasformerà la ricerca per sempre rendendola più veloce, migliore e più forte. Ma di cosa si tratta esattamente?

Se attivate Google Instant Search, comincerete a vedere risultati man mano che digitate la parola scelta. In più vi verranno mostrate una serie di query in grigio per rifinire la vostra ricerca. Tutto ben prima che schiacciate il pulsante “Cerca”.

Questo vi fa risparmiare tempo
Google stima che Google Instant vi permetterà di risparmiare da 2 a 5 secondi per ogni ricerca. La ragione? Leggiamo più velocemente di quanto digitiamo e la ricerca predittiva riduce il tempo di digitazione necessario prima di avere dei risultati. Se tutti gli utenti Google passassero a Instant, si risparmierebbero circa 3,5 miliardi di secondi al giorno.

…(a meno che non cerchiate porno o sesso)…
Anche se funzionano i normali filtri SafeSearch, Google Instant traccia una sorta di confine su temi come “pornografia, violenza e parole di odio”. Il che significa che quando cercherete di far completare automaticamente una generica ricerca “porno” vi ritroverete così:

…Google Instant si può già sperimentare…

Alcuni possono già provare di persona Google Instant dal vostro computer, se non siete tra loro non sentitevi esclusi: ci vorranno un paio di giorni prima che il servizio raggiunga tutti gli utenti Google e un po’ di più perché arrivi anche agli utenti mobili. Per la precisione Google ha dichiarato che non sarà immediatamente disponibile per i telefoni, ma che dovrebbe esserlo fra qualche mese.
La novità non esclude la ricerca classica, quindi se non vi piace non siete costretti ad usarla: accanto allo spazio per la ricerca troverete un link che permette di abbandonare Instant e tornare alla vecchia versione di Google.

…e c’è almeno un trucchetto carino da scoprire.
Quando Google Instant è attivato, il tasto con la freccia verso destra si comporta come la funzione “Mi sento fortunato”. E’ bello vedere che è stato mantenuto un certo senso dell’avventura.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :