L’incubatrice ricavata da un’automobile guasta ideale per i villaggi del Terzo Mondo


Molti neonati del Terzo Mondo muoiono per mancanza di attrezzature mediche di base, come le incubatrici. Quindi, come costruire attrezzature sofisticate senza avere a disposizione tecnologie mediche avanzate? Si usa quello che si ha, come parti di automobili rotte. Pare che funzioni.
Il team di Design That Matters ha ideato una soluzione brillante per un problema grosso. Molti bambini, nelle zone remote del globo, nascono in casa in aree lontane da un ospedale e quindi dalle incubatrici, che possono costare fino a 30.000 dollari.


E se per caso le incubatrici disponibili si rompono, il problema è davvero grosso, perché riparare attrezzature del Primo Mondo nel terzo Mondo è un’impresa biblica. E se non si ripara, non si usa. Invece il NeoNurtura, l’incubatrice ricavata da pezzi di automobili rottamate si ripara facilmente, in caso di rottura e non costa 30.000 dollari. “Non so proprio dove si potrebbe trovare il filtro di un’incubatrice, in un paese periferico del Nepal – dice un designer del team -, ma è probabile che si trovi qualcuno in grado di trovare e sostituire il filtro d’areazione di un’auto. Ecco il punto forte di questa idea”. (c.c.)
[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :