Uniqo, il tablet italiano all’inseguimento di iPad e Galaxy Tab


E' uno dei pochi tablet "made in Italy" in commercio (o meglio, con brand italiano, dato che lo sviluppo è stato affidato ad un team di ingegneri italiani e asiatici) e non poteva che fare il suo esordio in uno degli eventi più attesi del "made in Italy", appunto, ovvero Pitti Immagine, in corso a Firenze. Stiamo parlando di Uniqo di Kiwie in dimostrazione allo stand di Piquadro fino al 14 gennaio alla Fortezza da Basso del capoluogo toscano.
Display 8 pollici a LED con rapporto pari a 4:3, barra laterale in alluminio, soli 498gr di peso e dimensioni pari 218x163x12mm, Uniqo gira con Android 2.1 (perché?), ha un processore ARM 660 Mhz + DSP da 550 Mhz (ecco perché, forse), una batteria ai polimeri che garantisce (secondo il produttore) fino a 13 ore in uso continuo, connessioni Wi-Fi e 3G integrata con SIM slot, Bluetooth e fotocamera/videocamera frontale da 2MP.

Naturalmente, ha pieno accesso all’Android Market e alle sue 150.000 applicazioni, ma Kiwie sta anche sviluppando un canale professionale creando piattaforme, app e personalizzazioni ad hoc per i grandi progetti. La porta USB consente di leggere e trasferire dati su pen drive, mentre la memoria è ampliabile con TF card.
L’intenzione di Kiwie, in sostanza, è quella di proporre un prodotto a metà tra la comodità di uno schermo da 9/10 pollici e la leggerezza di dispositivi a 7 pollici. Un’alternativa, secondo il produttore, all’iPad e al Galaxy Tab. Il costo? 499 euro inclusa la custodia di pelle realizzata appositamente da Piquadro, mentre la distribuzione è affidata a Nodis. (c.c.)
[Fonte: Kiwie]

Tags :