Google presenta Wallet e Offers: l’era delle carte di credito e dei coupon sta per finire

google_wallet


"Il vostro telefono sarà il vostro portafoglio". Così Google inizia ad illustrare la sua novità assoluta: Google Wallet e Google Offers che combineranno pagamenti e vendite in un unico pacchetto.
Google Wallet è più cose messe insieme. E' un'app per Android, un modo per pagare con la carta di credito usando il telefono, un collettore di coupon. E' un altro modo per i commercianti di farvi pagare e proporvi offerte, in più collega ad altri servizi Google come Shopper (che vi mostra le offerte più vicine a voi) e Google Offers. E Google sta pianificando la possibilità di poterci mettere qualsiasi cosa abbiate nel portafogli.

Il cuore della tecnologia per i pagamenti usa l’NFC e più specificatamente il sistema PayPass di Mastercard, così potete usarla ovunque sia disponibile PayPass. Il Single Tap di Google è l’implementazione specifica di Mountain View pensata per partner selezionati.
Citi è l’unico partner bancario per cominciare, mentre il carrier è Sprint. Quindi al momento il servizio è disponibile agli utenti statunitensi che hanno un Nexus S 4G e una carta di credito Citi Mastercard. Ma si possono usare anche le carte prepagate di Google.


Google dice che il Google Wallet è “più sicuro del vostro portafogli”, perché la vostra carta di credito non viene mai mostrata interamente, richiede un PIN per accedervi e i dati della carta sono criptati. Potete bloccare Wallet, cosa difficile con un portafogli classico, e e lo perdete, la carta può essere scollegata dal servizio semplicemente “over the air”.

C’è anche un elemento di sicurezza nel chip NFC del telefono, che trasmette e immagazzina i dati della carta di credito. L’antenna NFC è spenta quando lo schermo è spento e l’elemento di sicurezza di attiva solo quando Wallet è sbloccato e abilitato al pagamento. Quando associate per la prima volta una carta di credito a Wallet, le informazioni vengono verificate dalla banca, che controlla che siate un utente autorizzato.

Se non avete un telefono abilitato all’NFC, certo non potete usare questa tecnologia. Google dice che stanno “spostando tutti i prossimi telefoni Android verso lo standard NFC” e che “tutti stanno saltando sul carro” in termini di carrier e produttori di telefoni. I telefoni che non hanno l’NFC potranno, secondo Google, usare degli appositi adesivi, che comunque non garantiscono lo stesso livello di sicurezza. Per quanto riguarda iOS e Windows Phone, Google ha dichiarato che stanno lavorando con tutti, il problema è se tutti vorranno lavorare con loro.

Poi c’è Google Offers che invia offerte ogni giorno alla vostra casella di posta. E naturalmente le offerte sono fatte in modo da essere gestibili con Wallet: potete salvare coupon, a prescindere che l’offerta arrivi via Google Offer o che la troviate su un manifesto abilitato all’NFC e la scarichiate. In sostanza, Offers è il modo in cui Google guadagna soldi da tutto questo, dal momento che non trattengono percentuali sulle transazioni dei pagamenti.

Google ha spiegato che si tratta solo del primo passo, dato che è limitato a Nexus S, Mastercard, Citi e Sprint, oltre che alcuni rivenditori selezionati. Ma quello che stanno cercando di fare è cambiare definitivamente il modo in cui le persone comprano e vendono e renderlo come lo immaginiamo tutti da anni. La fine delle carte di credito fisiche, dei coupon, delle firme, forse anche del contante, sta per avvicinarsi. (c.c.)
[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :