Gmail sbarca su iOS, ma Google è costretta a ritirarla subito

gmail_app_ios


Come annunciato ieri, l'app di Gmail per iOS è arrivata, sia su iPhone che su iPad. Peccato che tanta attesa non abbia portato a niente di buono perché l'app non è bella e funzionale come gli utenti si sarebbero aspettati. Anzi.
Google ha dovuto ritirarla e la rilancerà su App Store poche ore dopo aver chiuso il bug delle notifiche push, ma anche se questo problema sarà risolto, l'app risulta ugualmente orribile.
Tanto per cominciare, l'unico motivo per cui si può definire "app" è che si scarica dall'App Store, per il resto Google ha preso la sua web app e ci ha messo su una nuova icona. E' più lenta, con più bug e peggiore della web app. Cosa vi è successo lì a Mountain View?
Si, certo, c'è una colonna in stile iOS Facebook nascosta (che non sempre funziona) e la funzione "pull down to refresh", ma è tutto.
Ovviamente c'è una buona ricerca, ma sarebbe stato impossibile il contrario, e ci sono le etichette, le stelle e tutto quello che rende Gmail buono. Ma le notifiche push sono così malfunzionanti che Google ha dovuto ritirare l'applicazione per sistemarle, manca il supporto per account multipli, non è possibile leggere le mail offline perché non le tiene in cache, è lentissima nello scroll e in moltissime altre funzioni. In più, le email non si vedono correttamente. E' davvero incredibile che Google abbia tirato fuori uno scempio del genere. E quando l'app tornerà sull'App Store, speriamo che gli interventi siano andati ben oltre il bug delle notifiche. (c.c.)
[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :