Il primo processore su singolo chip ha compiuto 40 anni

prima_cpu_chip


Il 15 novembre del 1971 Intel annunciò per la prima volta il suo processore 4004, il primo microprocessore disponibile sul mercato su singolo chip. Federico Faggin, Stanley Mazor, e Ted Hoff si possono considerare i padri di questo dispositivo a 4-bit (anche se gli ultimi due solo per la prima fase della progettazione). Il 4004, in realtà, nacque sulla base del chipset LSI inventato dalla giapponese Busicom per essere usato nei calcolatori 141-PF. Tuttavia, la fabbricazione dell'LSI non era adatta alla produzione di massa, quindi Intel ridisegnò il processore per farlo stare in un DIP a 16 pin standard.
Il 4004 fu anche il primo prodotto ad impiegare la MOS Silicon Gate Technology che l'italiano Faggin aveva sviluppato alla fine degli anni '60. I risultati, per l'epoca, furono qualcosa di magnifico: conteneva 2.300 transistor, ognuno di 10 micron di grandezza e con una velocità pari a 740KHz, ovvero 92.000 istruzioni al secondo.
Certo, niente in confronto ai Sandy Bridge di oggi dentro i quali ci sono mezzo miliardo di transistor. Ma senza il 4004, oggi non avremmo il Sandy Bridge e non avremmo avuto neanche tutto quello che c'è stato tra l'uno e l'altro, con tutto quello che ne consegue in ambito informatico, dai computer agli smartphone.

Federico Faggin, che viene considerato l’inventore del microprocessore, per il suo lavoro e tutta la sua carriera ha ricevuto molteplici riconoscimenti, a livello italiano e internazionale, tra cui cinque lauree honoris causa, la medaglia d’oro per la Scienza e la Tecnologia della Presidenza del Consiglio Italiana, l’onorificenza di Grande Ufficiale conferita dal Presidente della Repubblica e lo scorso anno la National Medal of Technology and Innovation da parte del Presidente degli Stati Uniti Barack Obama. (c.c.)
[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :