Apple fa lavorare i propri dipendenti su prodotti falsi finché non si fida di loro

apple


Il libro "Inside Apple" di Adam Lashinsky, l'autore esamina come lavorare ad Apple non sia poi la favola della grande famiglia che Cupertino alimenta da anni nell'immaginario collettivo. E spunta che avere spie in borghese e tetre descrizioni del lavoro non sono abbastanza perché Apple a volte fa lavorare i nuovi ingegneri su prodotti falsi in misteriosi progetti. Si legge nel libro:
"Un mio amico, che è 'senior engineer' ad Apple, lavora o ha lavorato a prodotti falsi per la prima parte della sua carriera ed è stato sottoposto a colloqui per 9 mesi. E' tanto".

Insomma, un senior engineer, ovvero una persona qualificata per fare lavori importanti, costretta a perdere tempo in cose che non vedranno mai la luce perché Apple non si fida. E’ vero, la segretezza ha aiutato a costruire il fascino che l’azienda e i suoi prodotti esercitano, ma non ci dovrebbe essere un limite a questo? Sottoporre i dipendenti a peridi di prova è normale, ma fare in modo che persone vere svolgano lavori veri su prodotti falsi per una parte della loro carriera è un po’ troppo. E 9 mesi di colloqui? E’ più facile avere un figlio che sapere se si è ammessi o no a lavorare a Cupertino. Apple, forse, alla fine potrà fidarsi di loro, ma loro potranno fidarsi di Apple?(c.c.)
[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :