App ingannevoli possono accedere alla libreria fotografica del vostro iPhone e rubarla

photo_spy


Ecco un altro problema legato alle app e alla privacy di cui dovreste preoccuparvi: le app che accedono alla localizzazione del vostro iPhone e iPad possono copiare e "rubare" tutti i vostri album fotografici senza che neanche ve ne accorgiate. Attenti a che foto scattate...
Il modo in cui funzionano, stando a quanto riporta il New York Times (che, per la cronaca, non ha ricevuto l'invito all'evento Apple del 7 marzo per la sua inchiesta su Foxconn), fa sì che quando l'app chiede il premesso di accedere alle informazioni sulla localizzazione, si conquista pure il diritto di accedere alla libreria delle foto. Anche se l'app non specifica mai di avere accesso alle vostre foto, lo fa. E se si tratta di app "cattive", potrebbero impossessarsi dei vostri dati personali.
Stando al New York Times, il problema si conosce da molto tempo ma, "non è chiaro" se questa possibilità sia mai stata utilizzata. Il punto è che se un'app accede alle vostre foto sull'iPhone facendolo passare per l'accesso alle informazioni sulla localizzazione, l'App Store dovrebbe espellerla perché viola le regole di Apple. Ma sappiamo che succede spesso che app che violano la policy di Apple finiscono per essere erroneamente ammesse. Apple ha bisogno di chiarire definitivamente le questioni dei permessi e a cosa permette che gli sviluppatori accedano.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :