Larry Page contro Facebook: “Tiene in ostaggio i suoi utenti”

larry_page_tv


Anche se Google ha appena ricevuto la buona notizia che Chrome è il browser più usato al mondo, Facebook è diventato l'argomento principale di discussione dell'intervista televisiva che Charlie Rose ha fatto a Larry Page, CEO e co-fondatore di Google. Rose ha chiesto quello che molti avrebbero voluto chiedere: l'arrivo di Facebook in borsa, preoccupa Larry Page?

Page ha raccontato un episodio (per niente secondario) che secondo lui fa la differenza tra Facebook e Google: una querelle sui dati degli utenti. Google ha permesso a Facebook di usare il proprio database di utenti per aiutare gli utenti Facebook a trovare i loro amici, ma quando Google ha chiesto a Facebook di fare lo stesso, il social network si è rifiutati. Per Page, si tratta di un tradimento nei confronti degli utenti.

Tengono gli utenti in ostaggio e adducono motivazioni che non hanno senso” ha detto Page. Rose ha quindi chiesto quali fossero queste ragioni e Page ha risposto: “Dicono che si tratta di una questione di privacy, ma non è vero perché lo fanno già con Yahoo. Semplicemente, non lo fanno con noi“.

Page continua spiegando che, secondo lui, Facebook dovrà presto cambiare policy su questo ed adottare la stessa apertura di Google. E’ possibile, ma è il caso di ricordare che moltissimi utenti hanno da ridire sul modo in cui Google fa affari con i loro dati. Non che Facebook non sia stata coinvolta in polemiche sulla privacy, s’intende.

Quanto conosci e imprese high tech quotate in borsa? Scoprilo con il nostro quiz

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :