Miele, caramelle gommose e zucchero: così gli atleti restano attaccati alle parallele

Danell Leyva


Se vi siete mai chiesti come fanno i ginnasti ad afferrare le parallele con tanta fermezza ecco la risposta: non è solo gesso. Gli atleti olimpici usano ogni genere di sostanza appiccicosa sulle mani, dal miele ad un mix di coca-cola zucchero e birra, fino a sostanza speciali create da chimici. Ed è assolutamente ammesso.
Stando alla Federazione Internazionale di Ginnastica, non ci sono regole specifiche né restrizioni riguardo l'uso di sostanza appiccicose.

I ginnasti possono essere penalizzati di mezzo punto dai giudici per aver “marchiato il tappetino” con i gesso, ma non si fa cenno all’uso di sostanza sulle mani. E senza regole, i ginnasti danno sfogo alla loro fantasia.
Ognuno ha il suo metodo e la sua miscela magica, ma la più originale è certamente quella utilizzata dall’atleta statunitense Trent Wells che ha scelto gli orsetti di gelatina. Sì avete capito bene, le caramelle gommose a forma di orsetto.

“Abbiamo pensato che avrebbe potuto essere un po’ più appiccicosa del miele” ha spiegato Wells al Wall Street Journal. Dopo aver fatto degli esperimenti bollendo gli orsetti in varie quantità di acqua, sono riusciti a creare la viscosità giusta.
A quanto pare, le ginnaste si limitano a usare acqua e gesso mentre gli uomini ricorrono ai metodi più inverosimili, tant’è che prima di gareggiare devono eliminare le tracce della sostanza usata dall’atleta precedente. Ci sentiamo un po’ appiccicaticci al solo pensiero…

[Fonte: Gizmodo USA]

Olimpiadi e IT: sai quanta IT c’è nello sport? Scoprilo con il nostro quiz

Tags :