Stasera usciamo, ma in carrozzina. EasyWay: l’app di Fondazione Vodafone per i luoghi “disable-friendly”

easyway_00

Cena fuori? Pizza o ristorante? È facile scegliere quando il problema è solo il menu. C’è chi però deve porsi altre domande. Qualcosa tipo: “Stasera vado alla pizzeria in cui non c’è la rampa di accesso oppure è meglio il ristorante dove non riesco a entrare in bagno neanche per lavarmi le mani?”.

Diritti di accesso” è una formula che riempie le pagine dei giornali, ma in concreto chi ha una disabilità si trova di fronte a un mondo poco attento – se non addirittura ostile – fatto di servizi inefficienti, mancanza di senso civico, cattiva educazione.

Benvenute dunque le iniziative come quella di Fondazione Vodafone, che ha lanciato un’app per indicare quali sono i luoghi “disable-friendly” per fare shopping, andare al cinema o a teatro, cercare un albergo o un bed & breakfast, progettare un’uscita al ristorante o in pizzeria, vedere una mostra o partecipare a un evento, ma anche cose banali come trovare una banca o una farmacia con parcheggio riservato, ingresso con la rampa, toilette a norma e nessuna barriera architettonica.

Le persone con disabilità sono costrette a pianificare attentamente gli spostamenti. E non solo loro: anche gli anziani che hanno ridotta mobilità, le famiglie e gli accompagnatori. Uno stress continuo aggravato dalla mancanza di informazioni.

Per il disabile e la sua famiglia, informazione significa libertà.

Ecco dunque EasyWay, un progetto no-profit di Fondazione Vodafone nato per dare ai disabili l’opportunità di conoscere in anticipo l’accessibilità agli edifici e ai luoghi aperti al pubblico, giustamente e strategicamente agganciato a una piattaforma social che permette di esprimere giudizi concreti sulla reale accessibilità, in modo che le informazioni siano veramente di aiuto.

EasyWay è composto da un’app per smartphone e da un sito web, entrambi con interfaccia semplice e intuitiva, e soprattutto da mappe digitali.

In archivio ci sono già migliaia di luoghi, aggiornati in tempo reale dagli stessi utenti : negozi, musei, cinema, teatri, supermercati, farmacie, alberghi, ristoranti e tanti altri tipi di servizi, per ognuno dei quali gli stessi si può dare un giudizio di accessibilità globale (accessibile, non accessibile, parzialmente accessibile), espresso con un’icona verde, rossa o gialla e dettagliato per cinque macrocategorie (parcheggio, accesso, spazi interni, spazi esterni, servizi igienici)

EasyWay utilizza il GPS, è sviluppato da Posytron, è un progetto no profit ed è fruibile da chiunque. Si trova all’indirizzo www.easyway.vodafone.it e tramite l’app per iPhone o Android scaricabile gratuitamente.

Posytron, già nota per il suo progetto ePart, progettato per la partecipazione attiva dei cittadini alla vita della comunità, è stata scelta per l’esperienza maturata in applicazioni miste web e mobile dove ci sia l’interazione di una vasta comunità di utenti e l’utilizzo di mappe digitali.

Tags :