Arriva Windows Phone 8: ecco le innovazioni principali

windows phone 8

windows phone 8
A presentare al mondo Windows Phone 8, sul palco di San Francisco c'era Joe Belfiore, team leader della squadra di sviluppo dell'ultima release del sistema operativo mobile di Microsoft.
Anche lui, ormai ci siamo abituati, inizia sciorinado numeri: 120.000 applicazioni nello store, 50 lingue supportate da Windows Phone etc etc.
E poi inizia a fare le differenze: se iOS e Android si sono copiati l'un l'altro, Windows phone vuole porre fine questa "vecchia metafora", mettendo l'utente al centro dell'esperienza, "non le icone delle app", perché, spiega, "non facciamo un telefono per tutti, ma uno per ciascuno"Finiti gli slogan è finalmente il momento delle specifiche, prime fra tutte le Live Tiles.

“Abbiamo reinventato l’esperienza app” con le Live App che possono integrare altre app. Live App, inoltre, è un nuovo sistema che gli sviluppatori potranno usare per implementare il blocco dello schermo che ” vi farà sentire il telefono come molto più personale”. La nuova schermata di blocco (Lock Screen) sarà personalizzabile con notizie, foto, notifiche di Facebook o da altre app. E’ questo che intende con un’app che può includere altre app e a quanto pare, ci sarebbero già molti sviluppatori al lavoro per adeguare le loro app a Windows Phone 8. Per cominciare, c’è già una nuova versione di Skype che sarà always on, pronta a ricevere messaggi o chiamate in qualsiasi momento, senza far girare il codice in background e, quindi, senza prosciugare la batteria.
Tra le altre app annunciate come imminenti anche Angry Birds Star Wars e Pandora (che includerà un intero anno di musica gratis senza pubblicità).
L’SDK di Windows Phone 8 sarà disponibile per tutti da domani.

verge-windows-phone-8-171


E parlando di sistema pensato attorno all’utente, arriva Data Sense, che permetterebbe di navigare sprecando meno traffico perché è in grado di “imparare” come il sistema e le app usano i dati grazie ad un sistema , sviluppato sul cloud e sul telefono, che comprime i dati. Quando ci si avvicina al tetto massimo di dati per quel mese, Data Sense cambia il comportamento del telefono in modo che l’utente non supero il proprio limite mensile. Data Sense tiene sotto controllo il traffico dati che l’utente consuma, dando sempre una visione della situazione attuale. Secondo Belfiore, i test condotti da Microsoft rivelano che usando Data Sense, l’utente può visitare il 45% di siti in più con lo stesso piano dati. E dato che perché Data Sense funzioni, deve essere abilitato dagli operatori, il primo operatore ad offrirlo sarà Verizon.

[Fonte: The Verge]

Tags :