Google chiude un bug di Android dopo 2 anni e mezzo

htc desire bug Android

htc desire bug Android
Ci sono bug che non sono facilissimi da risolvere, ma prima o poi arriva anche il loro turno. E' il caso di un bug che Android si porta dietro da ormai due anni e mezzo. Il problema riguarda il wi-fi e la difficoltà a risolvere gli hostname senza usarei domini per intero, un bug segnalato per la prima volt il 29 aprile del 2010. Adesso, però, Google ha annunciato che la soluzione è arrivata.

Era ora, verrebbe da dire.
Quelli di Mountain View spiegano che “la prossima main release” dopo Android 4.2 dovrebbe contenere l’agognato rimedio e fanno sapere che se il team di sviluppatori non ha potuto risolvere il problema in tutto questo tempo (e in tutte queste release di Android, dalla 2.1) è stato per via di una serie di questioni legate a “priorità e risorse”. Diamo per buone le motivazioni di Google, ma questo non significa che due anni e mezzo siano un tempo accettabile per risolvere un bug, ma soprattutta non è di consolazione a coloro che hanno ancora un HTC Desire originale e non potendolo aggiornare, non risolveranno i problema.

[Fonte: Engadget]

Conosci tuttii trucchi e i segreti di Google? Scoprilo con il nostro quiz