a Meno fisso, più mobile. La fotografia della comunicazione in Italia secondo Agcom

Rapporto Agcom 2012

Rapporto Agcom 2012

Meno fisso, più mobile. Questa l’immagine dell’Italia che comunica secondo il rapporto di AgCom. I consumatori si spostano inesorabilmente verso la telefonia di ultima generazione e lo fanno anche velocemente. I prezzi scendono, così come il numero di chiamate, mentre sul telefonino passa sempre meno voce e sempre più dati, tra sms e connessioni a Internet.

Leader di mercato nel Paese rimane Telecom Italia, pur con una piccola flessione. E’ questa la fotografiasul panorama della comunicazione in Italia scattata dall’Osservatorio dell’Agenzia per la Comunicazione AgCom.

Aumenta il traffico a banda larga su Internet mobile: le sim che hanno effettuato traffico dati hanno superato i 22 milioni (+15,1% rispetto al 2011), mentre dall’inizio dell’anno il traffico dati è cresciuto del 31,7%.

Crescono anche le chiavette per la connessione a Internet, che ora sono circa 6,7 milioni (+11,0% rispetto al medesimo periodo del 2011).
Cresce la banda larga, di 150mila nuovi abbonati.  Tra i fornitori di adsl (offerta per le abitazioni e non per le aziende), primeggia Telecom Italia (52,3%), che però è in calo a vantaggio di Wind (+0,7%) e Fastweb (+1,0%). In calo anche Vodafone che vede ridursi sia gli abbonati che la quota di mercato (-0,2%).

Vodafone scende anche nella telefonia mobile (-0,8%) a vantaggio prima di tutto di Wind (+0,5%), seguita da Telecom Italia e 3 (rispettivamente +0,1 e +0,2%)

Rispetto al 2011, le Sim circolanti sono cresciute di un milione, soprattutto quelle business con contratto, mentre le prepagate scendono di popolarità (-1,22 milioni). Aumenta il traffico telefonico (oltre 102 miliardi di minuti da inizio anno) con un +4,3%, rispetto allo stesso valore del 2011.

Tags :