AngelPad: ecco i risultati 2012 dell’incubatore per start-up

angelpad-logo-2013

AngelPad

AngelPad, l’incubatore tecnologico per startup fondato nel 2010 dall’ex-Google Thomas Korte, ha rilasciato oggi i nuovi dati sul progresso della sua attività. L’annuncio arriva contemporaneamente alla deadline per la presentazione dei progetti per la sessione primaverile.

Korte ha spiegato la difficoltà di fornire numeri, poiché la maggior parte delle società nate attraverso l’incubatore cerca di non rendere pubblico l’ammontare di fondi che è riuscita a raccogliere. “Più fondi una startup raccoglie, meno desidera farlo sapere – ha dichiarato Korte – Perché? C’è un vantaggio competitivo a non far conoscere ai possibili concorrenti il progetto a cui si sta lavorando o quanti soldi si hanno a disposizione per realizzarlo”.

“La raccolta fondi è buona per il proprio ego, ma non aiuta veramente il business” ha continuato Korte. L’eccezione, naturalmente, è quando il fundraising serve per attirare l’attenzione dei Venture Capitalist.

Da ottobre 2010, AngelPad ha selezionato 62 società in cinque sessioni. Le sessioni primaverili e autonnali sono state le più affollate, con 22 società selezionate tra circa 4000 richieste.

“Entrare in AngelPad è diventato estremamente difficile e lo stesso vale per le gli altri incubatori di qualità” ha dichiarato Korte.

Comparando il 2012 con il 2011, le società ammesse alla competizione hanno mostrato una maggiore maturità, con sei o otto  mesi di vita e fondatori che sono usciti da società di peso come lo stesso Google. “Non è più soltanto un business da post-college” ha detto Korte.

I dati aggregati del 2012 mostrano che le 62 startup sponsorizzate da AngelPad hanno raccolto 56 milioni di dollari, contro i 25 milioni del 2011.

La deadline per essere ammessi alla sessione primaverile è giovedì 17 gennaio. Le società interessate a partecipare possono scaricare il bando qui.

 

Tags :