Parte per percorrere 150km e ne fa 1450: colpa del GPS e non solo

errore gps

errore gps
Di storie al limite dlela follia legate all'uso del GPS ne abbiamo sentite tante, negli anni, ma questa supera ogni immaginazione.
Una donna di 67 anni che vive a Hainault Erquelinnes, in Belgio, voleva andare a prendere un'amica alla stazione ferroviaria di Bruxelles. La distanza tra i due punti è di circa 150 chilometri. Peccato che alla fine del suo viaggio, Sabine Moreau di chilometri ne abbia percorsi 1450 ritrovandosi a Zagabria, in Croazia.

Tutta colpa, a quanto pare, di un errore del suo navigatore GPS a cui si è aggiunta una certa dose di distrazione da parte della donna che invece di un paio d’ore di viaggio s’è ritrovata a guidare per due giorni.
Durante il viaggio, Sabine si è fermata due volte a fare il pieno, ha riposato un po’ a bordo strada ed ha anche avuto un piccolo incidente. Com’è stato possibile che accadesse tutto questo senza che si rendesse conto dell’errore?

“Ero distratta ed ho continuato a guidare – ha spiegato Sabine -. Ho visto ogni genere di segnale stradale, prima in francese, poi in tedesco e infine in croato, ma ho continuato perché ero distratta. Poi mi sono ritrovata a Zagabria ed ho capito di non essere più in Belgio”.

Ammettiamolo, a chi non è mai capitato di essere distratto, sovrapensiero, magari immerso in uno splendido ricordo e di saltare l’uscita dell’autostrada? A chiunque. Ma due giorni? E per quanto la cosa possa risultare divertente, quello che non si è divertito affatto è il figliodi Sabine che non riuscendo a trovare la madre ha dato l’allarme alla polizia la quale ha iniziato, invano, a cercarla.

L’unica cosa che risulta evidente, da tutta questa storia incredibile è che forse è meglio che Sabine non usi più il GPS, ma soprattutto che non salga più su un’auto…
Pensate che questa storia non sia vera? Anche noi abbiamo fatto parecchia fatica a crederci. Qui potete trovare la versione originale della notizia. A voi il giudizio finale.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :