Woz contro il film su Steve Jobs: “Tutto sbagliato”

Woz contro il film su Steve Jobs: "Tutto sbagliato"

Woz contro il film su Steve Jobs: "Tutto sbagliato"
Il film sulla vita di Steve Jobs, interpretato da Ashton Kutcher, uscirà negli States il prossimo 19 aprile ed è attualmente in mostra al Sundance festivale. La prima scena della pellicola, però è stata diffusa (potete vederla alla pagina successiva) e mostra uno Steve Jobs che scopre che Woz è in grado di realizzare un computer che possa mostrare informazioni su uno schermo e tenta di convincerlo a farlo. I nostri amici di Gizmodo USA hanno contattato Steve Wozniak per fargli vedere la scena ed avere una sua opinione. Come sempre, Woz non ha usato mezze parole: tutto sbagliato.

“Non abbiamo mai avuto questa interazione e quei ruoli – scrive Wozniak -. Non sono neanche sicuro di dove voglia arrivare… Le personalità sono sbagliatissime anche se la mia è quella che più si avvicina… non dimenticate che il mio scopo era ispirato dai valori dell’Homebrew Computer Club oltre che da idee del valore di quelle macchine e Steve J. non c’era e non frequentava il club“.

E infatti,anche se giudicare da una sola scena può essere fuorviante, Woz conosceva già molto bene il valore di quelle macchine, la democratizzazione della tecnologia. Steve è arrivato dopo.
Wozniak ha anche aggiunto:

“Totalmente sbagliato. Le personalità e in che modo l’idea del computer riguardasse la società non sono arrivate da Jobs. Hanno ispirato me ed erano ampiamente discusse all’interno dell’Homebrew Computer Club. Steve tornò dall’Oregon e venne ad un incontro del club e non ha iniziato a parlare dell’enorme impatto sociale. La sua idea pera di realizzare una scheda madre a 20 dollari e rivenderla a 40 per aiutare le persone del club a reliazzare il computer che io avrei regalato. Steve veniva dalla vendita di parti in eccedenza all’HalTed ha sempre visto il modo per fare soldi velocemente dai miei progetti (e questa era la quinta volta)”.

“Non ho mai avuto l’aspetto di un professionista – continua Woz -. Eravamo entrambi ragazzi. Il nostro rapporto era così diverso da come è stato dipinto. Sono in imbarazzo, ma se il film risulterà divertente e d’intrattenimento, va bene. Chiunque legga il mio libro iWoz può avere una visione più chiara”.

Insomma, anche se dal punto di vista cinematografico il film dovesse risultare bello da vedere, al momento appare alquanto impreciso per quanto riguarda la ricostruzione dei fatti. A questo punto, siamo curiosi di vederlo tutto.


[Fonte: Gizmodo USA]

Tecnologia e cinema: un legame indissolubile. Quanto ne sai? Scoprilo con le domande del nostro quiz

Tags :