Kids out of Vine: troppi filmati porno sul video-sharing di Twitter

ht_vine_porn_nt_130128_wg

Vine, l’app di videosharing che permette di condividere su Twitter microfilmati di sei secondi, è piaciuta subito agli utenti (che l’hanno premiata scaricandola con numeri da record) ma sembra avere continuamente problemi, soprattutto di “ordine pubblico”.

L’ultima novità è che la nuova versione (1.0.5) è ora vietata ai minori di 17 anni perché Vine è stata presa di mira dai filmati porno, soprattutto per mancanza di filtri adeguati.

Vine è disponibile solo per iOS ed è scaricabile gratuitamente sull’Apple store (si attende la pervione per Android). Da adesso in poi, al momento dell’installazione all’utente sarà chiesta l’età: prima erano accettati ragazzi e ragazze di dodici anni o più, ora il limite è 17.

Tags :