Google vuole affamare i siti di pirateria

google vuole affamare i siti anti-pirateria software

google vuole affamare i siti anti-pirateria
A quanto pare Google sta studiando una nuova strategia per eliminare i siti che vengono definiti "pirati". La strategia consiste nel tagliare le fonti dei loro finanziamenti in modo da ridurli allo stremo.
Stando a quanto dice il Telegraph, Google sarebbe in combutta con Visa, MasterCard e PayPal per tentare di porre fine al flusso di donazioni che confluisce verso siti che ospitano link a libri, musica, film o serie televisive ottenuti illegalmente.

Il piano punta anche a fermare l’arrivo di soldi a siti che non rispondono ai requisiti di legge perché sono offshore o fuori dal paese.
Sarebbe la prima volta che Google compie un passo così estremo contro la pirateria, ma non la prima per le aziende che gestiscono il credito.

PayPal, Mastercard e Visa, insieme ad altri, hanno messo fine alle donazioni a Wikileaks nel 2011, tanto per fare un esempio eclatante. Questo non è servito a fermare Wikileaks, ma di certo ne ha intralciato le attività, che pare sia quello che vuole fare adesso Google. E chissà che l’effetto non sia la diffusione di sistemi di pagamento quali BitCoin: forse Kim Dotcom ci ha visto lungo, questa volta.

[Fonte: Gizmodo USA]

Pensi di essere un profondo conoscitore di Google e dei suoi segreti? Mettiti alla prova rispondendo alle domande del nostro quiz

Tags :