Sicurezza ad alta tecnologia dentro la Cappella Sistina per il Conclave

cappella sistina, conclave blindato per i cardinali

cappella sistina, conclave blindato per i cardinali
Inizia da domani il Conclave per l'elezione del nuovo Papa. i cardinali elettori si chiuderanno dentro la Cappella Sisitina e inizieranno a parlare e a votare fino alla fumata bianca. Per tutto il tempo che sarà necessario alla scelta del nuovo pontefice, la Cappella sarà blindata: non solo fisicamente inaccessibile, ma anche tecnologicamente schermata in modo che nessuno da fuori possa intercettare cosa accade dentro e che da dentro non si possa comunicare con l'esterno.

Stando a quanto riporta l’agenzia di stampa Reuters, una squadra di operai specializzati è impegnata dentro la Cappella per prepararla all’evento. E per la verità, fugaci immagini dei preparativi sono apparse anche nei nostri TG.
“Gli operai stanno stendendo un pavimento finto – scrive la Reuters – sopra le mattonelle decorate e installando disturbatori di frequenze elettroniche per bloccare qualsiasi segnale che possa partire da dentro la cappella del 15esimo secolo dipinta da Michelangelo”.

Niente tweet o email dai cardinali, dunque, che possano far trapelare quanche informazione. Inoltre, gli addetti alla sicurezza del Vaticano passeranno al setaccio tutto l’edificio con scanner anti-cimice per ripulirlo da eventuali microfoni nascosti o altri dispositivi che potrebbero essere utilizzati per ascoltare gli incontri dei cardinali.

Tutti gli strumenti atti a registrare o a trasmettere dati saranno vietati per tutta la durata del Conclave e i cardinali non possono comunicare con l’esterno senza uno speciale permesso. A questo scopo, nel 1996, quando era papa Giovanni Paolo II, venne costruita la Domus Sanctae Martae, un dormitorio gestito da suore nella quale i cardinali possono soggiornare finché non sarà raggiunto un accordo sul nome del nuovo Papa.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :