Microsoft porta il digitale nelle scuole milanesi con “Genitori in Video”

microsoft

microsoft
Essere presenti nella vita scolastica dei propri figli, indipendentemente dalla distanza geografica e dagli orari di lavoro: questo l’obiettivo del nuovo progetto "Genitori in Video" promosso dal Comune di Milano e da Microsoft Italia, con la collaborazione dei partner ASUS, Microsys e Plantronics, presentato a marzo alla presenza dell’Assessora al Benessere, Qualità della vita, Sport e tempo libero, Chiara Bisconti, e dell’Assessore all’Istruzione ed Educazione, Francesco Capelli.

Il progetto in cui si inserisce “Genitori in Video” punta alla diffusione nella scuola italiana di una didattica rinnovata attraverso la tecnologia (software, hardware e contenuti) e con l’ausilio di una formazione ad hoc per gli insegnanti. Il progetto prenderà il via dal Civico Polo Scolastico “A. Manzoni”, a cui accedono anche gli allievi della Scuola di ballo dell’Accademia Teatro alla Scala.

Chi di voi ha figli in età scolare sa quanto indietro sia la nostra scuola in tema di digitalizzazione. A questo vuole dare una risposta il progetto promosso da Microsoft e dal Comune di Milano. “Genitori in Video” si articola in due fasi e prevede la possibilità di coinvolgere “virtualmente” genitori ed insegnanti grazie a tecnologie di comunicazione e collaborazione moderne e basate sul cloud, tra cui Skype ed Office 365. Nella prima fase i docenti saranno in grado di svolgere i colloqui con i genitori tramite Skype, quindi anche da città diverse. Potranno inoltre condividere e modificare, in tempo reale, documenti presenti all’interno della scuola e gestiti tramite Office 365.

Nella seconda fase, che inizierà con il nuovo anno scolastico, si passerà ad un uso più ampio della collaborazione documentale (SharePoint Online) per permettere un accesso costante a documenti e il supporto alle lezioni anche per i genitori tramite un portale web. Questo sarà possibile grazie all’introduzione di Lync sia come strumento di comunicazione tra i docenti, sia come ponte con i genitori, grazie all’integrazione tra Lync e Skype attiva dalla prossima estate 2013.
I genitori avranno così la possibilità di essere presenti e attivi nella vita scolastica dei propri figli e di avere un confronto costante con gli insegnanti, anche nei casi di distanza geografica o di difficoltà di orari.

“Siamo felici di dare il nostro contributo a questo progetto – dichiara Chiara Bisconti, Assessora al Benessere e Qualità della Vita del Comune di Milano -. Siamo fortemente impegnati su questi temi, su vari livelli, e ‘Genitori in Video’ rappresenta una punta d’eccellenza con cui siamo felici di poter collaborare”

“Questo progetto mira a colmare le distanze spazio-temporali che spesso impediscono alle famiglie di partecipare attivamente alla vita scolastica dei propri figli – dichiara l’Assessore all’Educazione e Istruzione Francesco Cappelli –. Un obiettivo apprezzabile se pensiamo che le comunicazioni tra professori e genitori diminuiscono progressivamente man mano che i ragazzi crescono”.

“Iniziative come questa non svolgono solo l’importante funzione di avvicinare la scuola alla famiglia – aggiunge il Professor Giuseppe Polistena, Preside del Civico Polo scolastico ‘A. Manzoni’, ma cercano di penetrare nel linguaggio delle nuove generazioni che padroneggiano con disinvoltura gli strumenti telematici: possono dunque diventare importanti innovazioni didattiche ed educative”.

“Gli strumenti tecnologici offrono sempre più numerose opportunità per conciliare sfera privata e lavorativa – ha dichiarato Roberta Cocco, Direttore Responsabilità Sociale di Microsoft Italia -: facilitano il superamento di barriere spazio-temporali e semplificano la gestione del proprio tempo, migliorando la qualità della vita e aiutando tutti a crescere professionalmente”. “Sono doppiamente fiera di questo progetto che Microsoft Italia sta portando avanti con il Comune di Milano grazie ai propri partner – ha concluso Cocco – perchè come professionista e come madre conosco bene le difficoltà di gestire tutti gli impegni legati ai figli e l’aiuto che soluzioni tecnologiche evolute ci possono dare nella vita di tutti i giorni”.

[Fonte: Microsoft]

Tags :