Nasce a Salerno l’università dei videogiochi: stage in Sony, Microsoft e Nintendo

videogiochi

videogiochi

Videogiochi e Università: un nuovo corso di studi in partenza il prossimo autunno. Un ambito dell’entertainment elevato a materia di studio universitario, in particolare quello dell’animazione legata ai videogiochi. Obiettivo: creare nuove figure professionali specializzate nel mondo dell’entertainment.

Un esperimento voluto dall’Istituto Universitario Europeo di Animazione e Videogames. Il  corso,  con  sede  a  Salerno,  prevede  un  percorso  comune  per  un  primo  anno  con  un  biennio  di specializzazione: ci saranno attività sia teoriche che pratiche attraverso la frequenza a laboratori e tirocini in un percorso di studi triennale.

Il superamento delle prove di valutazione delle diverse attività formative comporta l’acquisizione di crediti formativi universitari che potranno essere utilizzati per l’iscrizione a corsi di Laurea attivati presso Link Campus University, Università  non  statale legalmente riconosciuta dal MIUR nel settembre 2011, attivo nell’ambito dell’economia, comunicazione ed arte, per avere una durata abbreviata del corso di studi.

L’elemento che contraddistingue questo percorso formativo è la collaborazione con alcune aziende leader nel settore, tra cui Nintendo, Sony e Microsoft, che accoglieranno gli allievi per lo svolgimento di stage di alto profilo.

L’organo consultivo per  la  didattica  viene descritto come “un  comitato  scientifico  composto  da  eminenti  personalità  del mondo della cultura, da professionisti, da esponenti del mondo accademico, imprenditoriale e sociale che hanno espresso competenze e conoscenze nel campo dell’arte, della comunicazione e della tecnica in ambito extraeuropeo“.

Responsabile e coordinatore del progetto è Riccardo Cangini, autore di videogiochi e designer italiano, conosciuto per essere stato una figura chiave presso Simulmondo e fondatore di Artematica. La presentazione ufficiale si è tenuta oggi a Roma, presto tutti i dettagli del piano di studi.

[Francesca Delaurenti]

Tags :