Shazam si da alla moda

shazam

shazam

Chi di noi non ha mai utilizzato Shazam una volta nella vita, alzi la mano! Immagino che se vi avessi qua davanti riuscirei a contare poche persone, il perchè è chiaro: Shazam è l’app più utilizzata al mondo per scoprire le nostre canzoni preferite con un semplice tap e ben presto entrerà a fare ancora più parte del nostro quotidiano dandoci la possibilità di riconoscere anche i vestiti!

Shazam per riconoscere le canzoni si interfaccia con un enorme database in cui sono contenuti i file audio , quando Shazam “ascolta” una canzone, correla i dati raccolti con quelli del database e quando trova le somiglianze ci fornisce i dati del brano. Da poco tempo l’app permette anche di scansionare gli show televisivi in modo che “tappando” davanti la televisione si possano sapere le curiosità del programma ed è proprio all’interno di questo nuovo aggiornamento che verrà data all’applicazione la possibilità di riconoscere il vestito portato da un personaggio televisivo e carpirne le informazioni.

Vi sembra un’aggiornamento inutile? Leggiamolo dal punto di vista del Marketing: Shazam è entrato a far parte del nostro quotidiano quasi quanto Google e la possibilità di riconoscere una canzone o un vestito è il primo passo verso una nuova branchia di marketing chiamata Media Engagement in cui il consumatore ha la possibilità di facilitare il riconoscimento del prodotto finalizzando in tempi brevi l’acquisto.

Pensate se collegassimo tutto il servizio ad uno dei milioni di siti che vendono abbigliamento o scarpe come Zalando oppure Amazon BuyVip quanto sarebbe semplice portarci all’acquisto del prodotto che desideriamo.

Andrew Fisher , il CEO di Shazam informa che le trattative con le vette della TV inglese sono già aperte , ma in questo momento ci chiediamo se la pubblicità non sarebbe troppo invasiva entrando nel più intimo più di quanto Facebook e in generale Internet non abbiano già fatto.

Voi cosa ne pensate? Tolto l’utilizzo “ludico” dell’applicazione, la utilizzereste per migliorare i vostri acquisti?

Tags :