“Expedition Vegetale”, una serra volante a Torino

expedition_vegetale

expedition_vegetale

“In occasione di Torino Incontra la Francia e in vista degli Smart City Days, Piazza Castello diventa teatro di un evento che ha dell’incredibile: una serra volante, forse un’astronave, che viaggia per il mondo collezionando vegetali, atterrerà all’improvviso per svelare ai torinesi un incredibile segreto”, si legge nella newsletter sulla Attività Internazionali della Città di Torino.


Nantes Capitale Europea del Verde 2013 porta in Europa la sua esperienza artigianale nel costruire macchine fantastiche. L’Expedition Vegetale atterrerà in piazza Castello il 16 maggio e si fermerà fino al 19. Dopo la prima tappa a Bruxelles, come nell’incipit di un racconto fantascientifico degno del grande Jules Verne, l’aeronave “Aéroflorale II” intenta nella sua “Expédition Végétale” sbarcherà infatti nel capoluogo piemontese, approdando poi ad Amburgo, prima di far ritorno a Nantes per dar conto di tutte le esperienze raccolte nel suo viaggio divulgativo-esplorativo. E’ infatti dalla comunità urbana di Nantes Métropole, nominata Capitale Europea del Verde 2013, che la spedizione scientifico-teatrale è nata e partita, inserita nell’ambito di un più vasto programma di eventi per coinvolgere i propri cittadini e i partner europei nella promozione di una maggiore attenzione all’ambiente per il miglioramento generale della qualità della vita.

Per Torino Il 2013 sarà l’anno dedicato ai cugini d’Oltralpe nella città della Mole, grazie all’accordo siglato dal Sindaco di Torino e dal Ministro francese Aurélie Filippetti.

Aéroflorale II l’imponente vascello dal fascino retrò (sormontato da palloni aerostatici), protagonista dello spettacolo, è un’installazione artistico-scientifica ideata e progettata dalla compagnia La Machine di Nantes: una vera e propria serra volante che viaggia per il mondo collezionando i vegetali più diversi, al fine di svelare agli abitanti delle città che l’accolgono l’incredibile patrimonio della biodiversità. Per quattro giorni in mezzo a sbuffi di vapore, serpentine di rame e strani macchinari l’equipaggio dell’Expédition Végétale, composto da ingegneri, tecnici e specialisti sotto il comando del capitano François Delarozière, in tute da lavoro color caki, sciarpe e occhialoni da aviatore, farà esperimenti con le piante. Sarà coinvolto anche il pubblico, per esempio nella misurazione della conducibilità elettrica di rami e foglie o suonando m usica con strumenti vegetali. Si parlerà di semi, di biocarburanti, di varietà vegetali locali, contestualizzando e geolocalizzando lo spettacolo con le peculiarità del luogo e con i temi più vicini agli spettatori, i quali avranno modo di osservarli con occhi nuovi e attraverso le lenti della fantasia e della scienza. Gli artisti-scienziati si arrampicheranno su impalcature per poter raggiungere anche le parti meno accessibili della macchina volante, che vola e si muove alla velocità di un ciclomotore, riportandoci anche ad un rapporto con la natura e la lentezza diverso dal quotidiano.  Non è un caso che lo spettacolo abbia visto la luce nella città che ha dato i natali, l’8 febbraio del 1828, allo scrittore Jules Verne. La compagnia di teatro da strada La Machine diretta da François Delarozière, è stata invece fondata nel 1999 dall’unione di artisti teatrali, tecnici e progettisti, che lavorano insieme per costruire oggetti e performance spettacolari ed atipiche. Le innumerevoli macchine create per i loro spettacoli mostrano quel che gli artigiani dell’Ile di Nantes sono capaci di fare: la manualità dei lavoratori dei cantieri navali più importanti di Francia riciclata e messa al servizio del teatro, coniugata con la visione di un futuro più sostenibile.

Maggiori info e immagini:

http://www.nantesgreencapital.fr/fr/lexpedition-vegetale

[Francesca Delaurenti]