Ecco il nuovo Google Maps per il web: pulito e ultra personalizzato

nuovo google maps

nuovo google maps
Anche la versione web di Google Maps ha subito delle modifiche che sono state presentate durante il keynote della I/O Conference di questa sera. Per dirla tutta, l'app è stata ridisegnata da zero e le immagini che abbiamo visto sono esattamente quelle che erano trapelate in mattinata.
Si tratta del più grande cambiamento dall'esordio del servizio otto anni fa. In sostanza, Mountain View ha fatto ai servizi di mappe quello che ha fatto alle chat: li ha fusi tutti in uno solo.

Tenendo conto dei vostri amici, delle preferenze e dei vostri posti preferiti, Google usa le sue immagini immersive per consentire un’esperienza del tutto personalizzata all’utente. Cliccate su uno dei vostri contrassegni, ad esempio su un ristorante, e potrete dare un’occhiata dentro il locale restando nella mappa stessa. Un sistema imponente che potrebbe rendere la ricerca, e la scoperta, di quello che volete, molto più piacevole.

Velocità e comodità diventano un tutt’uno. Tutti i risultati sono evidenziati direttamente sulla mappa così potete passare al setaccio le informazioni senza dovere andare avanti e indietro dalla mappa alla barra laterale. Potete anche usare i filtri per personalizzare quello che vedete eliminando tutte le informazioni inutili.
Ma una volta che avete trovato quello che vi serve, non appena cliccate su un punto qualunque della mappa le informazioni correlate spunteranno in un comodo mini display, il tutto sempre con l’interfaccia della mappa.

La cosa più interessante di tutte, comunque, è che la vostra mappa impara man mano che la usate e più lo fate, più impara. I vostri contrassegni personali cominceranno ad apparire come per magia e un evidenziazione gialla segnerà i punti che secondo Google Maps potrebbero piacervi.
Come per molti servizi, specialmente web, di Google, il nuovo maps all’inizio sarà ad inviti e i primi cominceranno a partire tra qualche ora. Se volete chiederne uno, potete farlo cliccando qui.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :