La pizza stampata in 3D è il nuovo esperimento della Nasa

la Pizza stampata in 3D dalla Nasa

la Pizza stampata in 3D dalla Nasa
Pistole e armature stampate in 3D? Dimenticatele: il futuro della stampa tridimensionale è nel cibo. O almeno di questo sembra essere convinta, niente meno, la Nasa che ha iniziato un nuovo progetto per produrre cibo per gli astronauti (ma anche sulla terra) tramite le stampanti 3D, a partire dalla pizza. Non è proprio un replicatore, ma non ci siamo mai stati più vicini di così.

L’idea è che invece di cucinare un piatto in maniera tradizionale, lo si possa stampare inserendo gli ingredienti di base, ad esempio l’olio, la farina e l’acqua. Le “cartucce” avranno durata decennale (un po’ inquietante): perfette per i maniaci della preparazione ai disastri.

Ma perché iniziare dalla pizza? Perché la natura multistrato del cibo da fast food più famoso al mondo dovrebbe rendere più facile la sperimentazione. I lati oscuri rimangono molti e se amate almeno un po’ la pizza (e il cibo in generale) tutto questo vi sembrerà al limite della blasfemia. Siamo con voi, ma siamo anche curiosi di vedere fin dove si spingerà l’esperimento. Del resto, chi di noi non è incappato almeno una volta nella vita in una pizza che sapeva di cartone? Una volta in più non ucciderà nessuno. Forse.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :