BlueStar, l’app per i malati di diabete

BlueStar

BlueStar

Un’app potrebbe aiutare nelle cure i pazienti malati di diabete di tipo 2. Il programma può, però, essere prescritto solo da uno specialista. Si chiama BlueStar, è stata messa a punto negli Stati Uniti, funziona su dispositivi mobili e pc e ha ottenuto per prima l’approvazione della Fda (Food and drug administration) per essere considerata come un farmaco con obbligo di prescrizione. Il suo arrivo è previsto per l’estate 2013 solo in alcune zone selezionate delgli Stati Uniti.L’applicazione, gestibile da smartphone, tablet e pc, fornisce supporto ai diabetici suggerendo test sulla glicemia e dando consigli in tempo reale su una adeguata dieta per tenere sotto controllo il livello di glucosio. Periodicamente analizza e invia i dati del paziente via email o fax al medico curante consentendo un più efficace monitoraggio e una maggiore qualità dell’assistenza al di là delle visite ambulatoriali tradizionali. Rispetto ad altre patologie il diabete di tipo 2 è “più dinamico e soggetto a cambiamenti nel tempo”, sottolinea Chris Bergstrom, chief strategy officer di WellDoc, richiedendo controlli più frequenti ed un’attività assistenziale mirata e continua per il mantenimento dello stato di salute del malato, obiettivo fondamentale che si cercherà di facilitare con l’introduzione di BlueStar. Negli Usa, secondo l’American Diabetes Association, il diabete è una realtà che riguarda 25,8 milioni di persone, pari all’8,3% della popolazione. Nel 2012 il costo complessivo delle spese mediche sostenute in relazione alla diagnosi di questa patologia è stato di 176 miliardi di dollari cui si devono aggiungere 69 miliardi di dollari di minore produttività. Per Rick Popp, manager di Ford, “nel campo dell’assistenza sanitaria è in atto una rivoluzione e le nuove tecnologie possono permettere di far fronte alle malattie epidemiche, come il diabete, in modi del tutto impensabili finora”. Nelle intenzioni dei promotori BlueStar costituisce un mezzo per aiutare i pazienti adulti a gestire autonomamente il programma terapeutico e ricevere in qualsiasi momento il sostegno di cui hanno bisogno potendo affrontare al meglio e in maniera più informata le necessità quotidiane.
La ricetta di BlueStar, rinnovabile, deve essere presentata in una farmacia. A questo punto, una volta verificata l’idoneità della richiesta, lo staff dell’azienda produttrice WellDoc viene contattato per l’invio di un incaricato che offrire al paziente un’assistenza completa garantendo una corretta informazione e installazione. Il programma suggerisce i test sulla glicemia e offre consigli in tempo reale su una adeguata dieta per tenere sotto controllo il livello di glucosio. Periodicamente analizza e invia i dati del paziente via email o fax al medico curante consentendo un più efficace monitoraggio della situazione.