La prima macchina a energia solare, famigliare

car-solar

car-solar

La World Solar Challenge 2013, la competizione riservata ad automobili alimentate ad energia solare che si svolgerà ad ottobre in Australia, vedrà ai nastri di partenza un’automobile messa a punto da un team del Politecnico di Eindhoven che si pone come una vera novità rispetto ai tradizionali veicoli che partecipano a questo tipo di gare. Stella, questo il nome del progetto, sembra essere in effetti la prima macchina familiare alimentata ad energia solare.La macchina parteciperà nella cosiddetta Michelin Cruiser Class, caratterizzata da automobili che non mirano a record di velocità ma a praticità ed efficienza, e potenzialmente in possesso dei requisiti per poter circolare liberamente nel paese d’origine. Come si può vedere dalle foto in fondo all’articolo, Stella ha quattro posti a sedere, un bagagliaio ed un’autonomia di 600 km. Il progetto è stato messo a punto da una squadra di 22 studenti di sei diverse facoltà del Politecnico (il “Solar Team Eidnhoven”, o STE) nel corso dell’ultimo anno.
“Combinando un design aerodinamico con materiali leggeri come carbonio ed alluminio abbiamo progettato una macchina efficiente dal punto di vista dei consumi, che ha anche applicazioni ingegnose come una barra a LED ed un touchscreen, che rende superflui tutti i bottoni e i pomelli che conosciamo oggi. La guida intuitiva è permessa da un volante che si espande e si contrae quando stai guidando troppo velocemente o lentamente”, spiegano dal Solar Team.
La World Solar Challenge si corre dal 1987, e quella del 2013 sarà la dodicesima edizione: le auto partiranno da Darwin il 6 ottobre, per giungere una settimana dopo ad Adelaide, circa 3.000 km più a sud. L’Olanda ha una grandissima tradizione in questa corsa: la squadra del Politecnico di Delft è riuscita a primeggiare per ben quattro edizioni dal 2001 al 2007, con quattro versioni progressivamente aggiornate del progetto Nuna. L’anno scorso la vittoria è invece andata al Tokai Challenger, progetto sviluppato dall’università di Tokai (Giappone).

Tags :