Motorola lancia il suo Moto X: le prime impressioni sono decisamente buone

Moto X il lancio

Moto X il lancio
Come promesso, Motorola ha presentato ieri il suo chiacchieratissimo Moto X, il primo prodotto dall'azienda dopo essere stata acquisita da Google. I nostri amici di Gizmodo Usa hanno potuto metterci le mani su ed hanno espresso un primo giudizio.
Il Moto X si differenzia molto dalla linea Droid che abbiamo conosciuto finora già nel design.

Linee morbide, il nuovo Moto ha anche il vetro che si piega sugli angoli dando una sensazione globale di rotondità. Anche la batteria, da 2200mAh, è stata disegnata per rispettare queste linee rotonde.
Ha le stesse dimensioni dell’HTC One, (4,7 pollici) ma è decisamente più corto e un po’ più stretto. In più, pesa 129 grammi contro i 142 dell’One.
Il retro appare abbastanza solido, anche se non sembra essere il kevlar del Droid. Il display è AMOLED da 4.7 pollici con una risoluzione di 720×1280 pixel e una densità di 316ppi: un punto in meno rispetto a dispositivi della stessa gamma con un display da 1080p.

La qualità delle immagini, però, non ne risente: in molti potrebbero pensare che si tratti di uno schermo full HD.
Dal punto di vista delle componenti interne, qualcuno potrebbe rimanere deluso dal chip che è uno Snapdragon S4 Pro dual core da 1.7GHz, ma c’è anche una GPU quad core Adreno 320. Ci sono anche 2GB di RAM.
La cosa più importante è che alla prova risulta decisamente veloce, senza lag di alcun genere, al pari dell’HTC One, del Galaxy S IV e dell’iPhone 5. E questo potrà solo migliorare con l’aggiornamento di Android.

Moto X il lancio

Nonostante Motorola sia ormai “una Google company”, il Moto X esce con Android 4.2.2 invece che con la versione 4.3 rilasciato una settimana fa. Certo non è niente di grave dato che l’aggiornamento in qestione non è quella che si definisce una “major release”, ma colpisce comunque. La buona notizia, comunque, è che lo smartphone gira praticamente con Android puro senza Cose come MotoBlur appiccicate sopra. Motorola si è limitata ad aggiungere qualche interessante funzione al sfotware base.

Controllo Touchless
Abilitando i comandi touchless, il telefono rimarrà in attesa che voi diciate “Ok, Google Now” per rispondere ai vostri comandi vocali. Tra questi ci sono la navigazione, la ricerca, le chiamate, l’invio di una mail o di un messaggio di testo, creare un promemoria, impostare un allarme e una serie di altre cose. La cosa migliore è che con il tempo si addestra al riconoscimento della vostra voce.
Per il resto funziona abbastanza bene, tranne che con i comandi molto lunghi come gli appuntamenti con data, ora e luogo. In ogni caso, è molto utile mentre si guida e si può anche configurare per leggere i messaggi in arrivo o confermare verbalmente le cose che gli chiedete di scrivere senza che dobbiate neanche guardarlo.

Moto X il lancio

Active Display
E’ un’altra bella funzione. Secondo una ricerca fatta da Motorola, mediamente le persone accendono e spengono il display 60 volte al giorno. La maggior parte delle volte per guardare l’ora o controllare le notifiche. Si vede il LED lampeggiare e si vuole sapere perché. Invece di usare la luce lampeggiante, Active Display mostra brevemente l’ora del giorno e le icone di eventuali notifiche e lo fa usando solo i core a bassa potenza del processore quindi, secondo Motorola, consuma davvero poca energia.
Se arriva una notifica, ora e giorno cominciano a lampeggiare finché non controllate. Il tutto configurabile con le impostazioni di sicurezza, naturalmente.

Personalizzazione
Il Moto X si presenta come il telefono più personalizzabile in assoluto. Moto Maker sarà uno store online per la personalizzazione. Si potrà scegliere tra due colori frontali, 7 colori accessori (per i pulsanti e l’anello attorno alla fotocamera) e anche stampare un messaggio sul retro. La personalizzazione è inclusa nel prezzo e Motorola promette la spedizione in quattro giorni (almeno negli Usa, per il cui mercato, i telefoni saranno realizzati in Texas).
Anche gli auricolari sono personalizzabili, nel senso che si possono scegliere vere e proprie cuffie invece degli auricolari standard. Il retro potrà anche essere in legno. Il Moto X uscirà negli Usa a fine agosto con tutti i principali carrier ad un prezzo suggerito di 200 dollari per la versione da 16GB e 250 per quella da 32GB, con contratto s’intende. Ci sarà anche una versione sbloccata in vendita sul Play Store il cui prezzo, però, non è stato rivelato.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :