Secondo Spotify, studiare con la musica aumenta l’apprendimento: ma va?

spotify

spotify
La musica aumenta la concentrazione durante lo studio e permette di migliorare i propri risultati a scuola, specialmente in matematica. A sostenerlo è una font edle tutto "disinteressata" come Spotify.
Secondo la Dottoressa Emma Gray, esperta di psicologia clinica e specializzata nella psicologia educativa al British Cognitive Beahaviour Therapy and Counselling Service di Londra, alla quale Spotify si è rivolta, "sarebbe importante scegliere la musica giusta per ogni disciplina e che questa correlazione stimola l’apprendimento e può aumentare la concentrazione".

“Gli studenti che, durante l’apprendimento, ascoltano musica classica con 60-70 battiti al minuto – si legge in una nota diffusa dall’azienda -, raggiungono in media un punteggio più alto del 12% nelle prove di matematica, l’equivalente di quasi un voto in più”.

L’area sinistra del cervello è abituata a elaborare informazioni effettive e a risolvere problemi, cosa fondamentale in materie scientifiche. Ascoltare musica con 50-80 battiti al minuto come We Can’t Stop di Miley Cyrus e Mirrors di Justin Timberlake avrebbe “un effetto calmante sulla mente; favorisce quindi il pensiero logico e permette al cervello di imparare e ricordare nuovi dati”.
Rock e pop, invece,sono più addatti se studiate materia umanistiche perché questo gebnere di musica produce una elevata eccitazione che aumenta la creatività. Voi ci credete? Voi, o i vostri figli, adottate questa tecnica? Con quali risultati?

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :