Phoneblocks: lo smartphone modulare e personalizzabile che sfida i colossi del mercato

phoneblocks

phoneblocks
Se si guasta la fotocamera dello smartphone, ci sono buone probabilità che decidiate di comprare un dispositivo nuovo. Lo stesso se smette di funzionare il modulo wi-fi, o se quello Bluetooth diventa troppo obsoleto. C'è poco da fare: "i dispositivi elettronici non sono fatti per durare a lungo" con un conseguente incremento esponenziale di cosiddetta "spazzatura elettronica". Ma che succederebbe se, man mano che si rompe una componente o cambiano le nostre esigenze, potessimo aggiornare l'hardware del nostro smartphone con un semplice "blocco" nuovo?

E’ l’idea che sta alla base del Phoneblocks (letteralmente “telefono a blocchi”, appunto). Il progetto è semplice, modulare e molto, molto personalizzabile. Su una base comune, si possono attaccare i moduli che si vuole sia da un lato che dall’altro. Da un lato di questa base ci sarà, naturalmente, lo schermo (che, se si rompe perché il telefono vi cade, potete sostituire voi stessi in pochi secondi) e dall’altro tutto il resto, a seconda delle vostre esigenze. Il vostro uso maggiore dello smartphone è per scattare foto? Bene, allora preferirete avere una fotocamera più prestante, con un sensore e un obiettivo migliore (quindi probabilmente più grande) invece di una media abbinata ad un altoparlante di cui non vi interessa nulla. Lavorate in team e usate molto il cloud? Lo storage fisico non vi servirà, ma vorrete una batteria che garantisca un’autonomia maggiore.

Le opzioni sono potenzialmente infinite. Per non parlare dello scopo principale di questo telefono: si guasta il wi-fi? Basta staccare il modulo compromesso e sostituirlo con uno funzionante. L’idea potrebbe rivelare un potenziale da non sottovalutare, ma per dare vita al progetto i suoi ideatori chiedono l’aiuto di tutti. Perché un finanziatore decida di investire nel Phoneblocks, bisogna che sappia che il mondo è interessato all’idea. Come? Il 29 settembre prossimo, in contemporanea, i creatori del Phoneblocks chiedono di condividere il progetto sui social network e di fare in modo che se ne parli il più possibile. Maggiori informazioni sulla campagna, sul sito del progetto. Usate i commenti per dirci cosa ne pensate.

[Fonte: Phoneblocks]

Tags :