La pirateria non sta uccidendo i contenuti online

pirateria

pirateria
Contrariamente a quanto siamo abituati a sentirci dire da campagne pubblicitarie e stampa tradizionale, la pirateria non sta uccidendo i contenuti online. O almeno questo è quello che emerge dallo studio di un un gruppo di studenti della London School of Economics.
Certo, c'è qualche vittima lungo il percorso, come la musica registrata su supporti fisici, ma questo succede sempre: è stato così anche con l'avvento dei CD sulle audiocassette, per fare un esempio.
L'immagine di insieme, però, è migliore di come viene dipinta. Spiegano gli studenti:
"Contrariamente a quanto denuncia l'industria, il settore della musica non è in declino, ma tiene bene e mostra alti profitti. Gli incassi giunti dalla vendita online, dalla sottoscrizione di servizi, dallo streaming e dalle performance live compensano le perdite dovute al calo di vendite di CD e dischi.

Nonostante quello che sostiene la Motion Picture Association of America, ovvero che la pirateria online starebbe devastando l’industria del cinema, Hollywood ha raggiunto la cifra di incassi record di 25 miliardi di dollari nel 2012, il 6 per cento in più dell’anno precedente. L’industria della musica può essere un po’ in stallo, ma il drastico calo di cui parlano le etichette non è dimostrato”.
Potete leggere il report completo qui e poi andare a guardare il film che avete scaric… ehm… comprato ieri sera.

[Fonte: Gizmodo USA]

Tags :