Le macchie di Rorschach per rimpiazzare il CAPTCHA

rorscharch

Il CAPTCHA è una cosa molto efficiente, ma non infallibile. E visto che spesso i professionisti dello spam riescono ad aggirarne le difese, un team di ingegneri ha pensato ad un'alternativa basate sul test di Rorschach.

Adesso le macchie d’inchiostro diventano hi-tech. E’ quello che tecnicamente viene chiamato un GOTCHA (naturalmente) che è appunto l’acronimo per Generating panOptic Turing Tests to Tell Computers and Humans Apart.

Il test è stato sviluppato dai tre ricercatori Jérémie Blocki, Manuel Blum e Anupam Datta, e intende sfruttare il naturale istinto umano per il riconoscimento delle forme visive.
In sintesi, questo test è una variante di un HOSP (Human-Only Solvable Puzzle).

Questo tipo di test richiede l’intervento umano per essere superato.

Ecco spiegato il suo funzionamento: una volta che un utente si registra a un nuovo servizio, gli vengono mostrate una serie di macchie di inchiostro che l’utente deve descrivere in poche parole. Poi, pochi giorni dopo, gli verranno mostrate nuovamente le macchie di inchiostro, così come le sue risposte originali. L’utente dovrà semplicemente abbinare le descrizioni alle immagini.

Il motivo? Non solo è difficile per un computer riprodurre la capacità umana di individuare le forme visive, ma anche riprodurre una seconda volta questa capacità.

Insomma, questa tecnica sembra voler decretare la fine del CAPTCHA.

[Fonte: Gizmodo.fr]

Tags :